menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Affidabilità delle imprese, maglia nera in Campania: male anche Avellino

Ad Avellino soltanto il 3,07% delle imprese presenti rientra nella categoria Prime Company

La provincia irpina è tra le ultime in Italia per affidabilità delle imprese. A rivelarlo è una statistica del «Sole 24 Ore», dove l’Irpinia occupa la posizione 101 su 110 disponibili. Malissimo le altre province campane, secondo l’indagine realizzata da Cribus, società del Gruppo Crif, per individuare il numero di «Prime company», ovvero di realtà fondate prima degli anni 50 che oggi hanno raggiunto una dimensione medio-grande, distinguendosi proprio per affidabilità, i dati peggiori si registrano proprio negli altri comuni della regione: Salerno (2,84%), Benevento (2,68%), Napoli (2,16%) e Caserta (1,87%).

 Diversa la situazione nel Nord Italia. Le Prime company sono concentrate soprattutto nel Nord-Est, dove quasi un’azienda su otto si può fregiare del riconoscimento contro il 10,3% del Nord-Ovest, il 6,6% del Centro e il 3,3% di Sud e Isole.
Ad Avellino, invece soltanto il 3,07% delle imprese presenti rientra nella categoria Prime Company, dunque l’Irpinia è ben lontana dagli standard nazionali anche se è tra le realtà campane più serie considerando indici di bilancio, esperienze di pagamento e informazioni pregiudiziali. Secondo l’elaborazione di Cribis, nel Mezzogiorno aumentano le possibilità di incappare in partner “a rischio insoluto” tra le realtà di piccole dimensioni, attive nell’edilizia e nel commercio al dettaglio. Non è un caso che il podio è appannaggio di Trento, Biella e Ravenna. La maglia nera, invece, va alla provincia di Caserta, che è preceduta da Napoli e Reggio Calabria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento