Arrestato Vincenzo Schiavone, proprietario di Villa Esther e Santa Rita

Accuse di corruzione sull'imprenditore in campo sanitario

Foto di repertorio

Vincenzo Schiavone, imprenditore attivo nel campo della sanità privata, è stato arrestato con l'accusa di corruzione, abuso e rivelazione di segreto d'ufficio.

I reati contestati a Schiavone

Il proprietario di due cliniche irpine, vale a dire Villa Esther ad Avellino e la Clinica Santa Rita ad Atripalda, è implicato nell'inchiesta concernente i lavori di ampliamento di Pineta Grande, una casa di cura localizzata a Castel Volturno, di cui lo stesso imprenditore è presidente e amministratore.

Secondo le indagini condotte da Maria Antonietta Troncone, Procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, i fatti, risalenti al periodo febbraio-marzo 2018, avrebbero visto Schiavone protagonista di "una serie di relazioni che gli hanno consentito di accedere ai vari livelli istituzionali per ottenere agevolazioni e per soddisfare i propri interessi personali". Come riportato da CasertaNews, l'imprenditore avrebbe perfino tentato di avvicinare un magistrato, subito dopo aver appurato di essere raggiunto dal procedimento cautelare. Al patron di Villa Esther e Santa Rita, infine, viene contestato il mancato rispetto di alcune importanti normative in ambito regionale ed edilizio, riguardanti la realizzazione e l'ampliamento delle strutture sanitarie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre a Schiavone, altri due imputati sono stati raggiunti dall'emissione dei domiciliari: Domenico Romano, tecnico di parte della Pineta Grande, al quale è stato imposto anche il divieto di dimora in Campania; e Giuseppe Schiavone, funzionario della Sovrintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Caserta, per il quale è scattata l'interdittiva della sospensione dell'esercizio all'interno dei pubblici uffici per un periodo pari a 12 mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Coronavirus, chiude il bar Nolurè: titolare positivo in ospedale

  • Coronavirus, in Campania è allarme arancione

  • Claudio Rosa, Capo Ufficio Comando Del Provinciale dei Carabinieri di Avellino, promosso Tenente Colonnello

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

  • Vino e architettura, in Irpinia una delle cantine più belle d'Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento