rotate-mobile
Cronaca

Vaccini in Campania, De Luca: "Recuperate le dosi mancanti, entro luglio vaccineremo tutti i capoluoghi di provincia"

Le dichiarazioni del Governatore nel corso della videodiretta odierna: "Abbiamo soltanto 300 vaccini in meno rispetto alle altre regioni. L'unico merito che va al Governo italiano è la prudenza adottata nei mesi precedenti"

Nel corso del consueto appuntamento con la videodiretta del venerdì pomeriggio, il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca ha fornito il punto della situazione sui contagi e sulla campagna vaccinale, anche in relazione agli esami di maturità. Inoltre, il presidente si è soffermato sulle attività e le iniziative in corso per la ripartenza in sicurezza della Campania.

Vaccinazioni: "C'è voluta una guerra per far valere i nostri diritti, investimenti sanitari anche a Solofra"

La prima notizia importante riguarda la nostra Regione: "La Campania ha recuperato, con le forniture ricevute ieri, le 230.000 dosi di vaccino mancanti, raggiungendo finalmente la media nazionale: abbiamo soltanto 300 vaccini in meno rispetto alle altre regioni. C'è voluta una guerra per due-tre mesi, per far valere l'eguale diritto a tutti i cittadini. Ora, si apre la vaccinazione per le fasce più giovani, addirittura dai 12 anni in su. E, poiché siamo la regione più giovane d'Italia, abbiamo chiesto, così come si è fatto a gennaio, febbraio e marzo, un'anticipazione della consegna dei vaccini per mettere in sicurezza tutta la popolazione scolastica. Ma il primo obiettivo, comunque, lo abbiamo raggiunto. Ieri abbiamo fatto 71.000 vaccinazioni: un risultato straordinario, conseguito grazie allo sforzo del nostro personale medico, infermieristico, amministrativo. Le persone da vaccinare nella fascia 12-23 anni sono 780.000. Se non si rallenta con la consegna dei vaccini, arriveremo a luglio a vaccinare Napoli e tutti gli altri capoluoghi della provincia della Campania. Cerchiamo di arrivare, per la fine dell'estate, alla vaccinazione dell'intera popolazione campana con la seconda dose".

Un'altra notizia che concerne la Campania: "La nostra app è la più scaricata in Italia. Facciamo 350.000 notifiche al giorno, dando attestati di vaccinazione a 3 milioni di richiedenti. Un qualcosa di straordinario. Vi è stato un servizio su 'La Stampa' di Torino sulla nostra app che ne ha testimoniato l'eccellenza". 

E, a proposito dei rapporti con Governo e Commissariato: "Ne approfitto per fare una considerazione: in relazione a notizie televisive che ascoltiamo, voglio chiarire che per quanto riguarda il piano per le vaccinazioni, dobbiamo semplicemente ringraziare le regioni italiane e, in particolar modo, i dipendenti delle nostre Asl. Per quello che riguarda lo Stato Italiano e il Commissariato, il contributo dato è, o di pura e semplice distribuzione dei vaccini, o addirittura di confusione nelle notizie fatte arrivare ai cittadini italiani rispetto ai vaccini e a tutto il resto. L'unico merito che va al Governo italiano è, dunque la prudenza adottata nei mesi precedenti. Per il resto, dal Governo abbiamo avuto soltanto i banchi a rotelle, le primule (che, per fortuna, non abbiamo fatto più) e tanta confusione. Se fosse stato tutto nelle sue mani, avremmo avuto l'ecatombe".

Discorso sanità e investimenti nelle strutture ospedaliere in Irpinia: "A Solofra, sono in corso i lavori per altri 4 posti letto. Abbiamo avuto, finalmente, la comunicazione dal Cipe per il finanziamento di circa 8 milioni di euro per l'Ospedale Landolfi. Sarà pubblicata la gara per nuovi interventi previsti a metà giugno e altri interventi a settembre che serviranno a potenziare le sale operatorie, la procreazione medicamente assistita, la riabilitazione nell'ambito della programmazione più generale. Puntiamo a fare della nostra sanità un'eccellenza in Italia".

Ripresa economica: "Previsto aumento del PIL italiano, necessarie più assunzioni a tempo indeterminato nelle PA"

La seconda buona notizia riguarda l'economia italiana: "Abbiamo previsioni che ci incoraggiano. E' previsto, infatti, un aumento del PIL italiano del 4,5% per il 2021 e del 4% per il 2022. Non siamo ancora ai livelli pre-pandemia, ma sono livelli di crescita importanti che possono dare respiro alla nostra economia. Ovviamente, gran parte delle carte ce le giochiamo con il piano di ripresa del nostro Paese: se riusciamo a far decollare questo piano, è evidente che l'Italia, anche sul piano economico, cominci a respirare".

Dal punto di vista del comparto turistico, De Luca sottolinea nuovamente l'importanza di aver provveduto alla vaccinazione degli operatori del settore: "Abbiamo completato l'immunizzazione delle isole, sono in corso operazioni anche per quanto riguarda Campi Flegrei, Penisola Sorrentina, Costiera Amalfitana e Cilentana. Da questo punto di vista, abbiamo anticipato tutte le regioni d'Italia, andando anche oltre le indicazioni fornite dal Commissario Figliuolo".

Tra le misure economiche previste dal Governo, si parla dell'assegno per i figli: "E' una cosa molto importante. Io avrei quello che rimane degli otto miliardi di euro all'anno che viene destinato al reddito di cittadinanza per dare queste risorse per metà alle famiglie con ogni figlio, e per un'altra metà al comparto scuola-università,  per fare del nostro sistema formativo italiano un sistema di eccellenza".

Sul fronte lavoro: "Mi auguro che si facciano più assunzioni nelle pubbliche amministrazioni a tempo indeterminato: tutti gli enti locali sono ridotti in ginocchio a causa della mancanza di personale e, a volte, non si riescono a garantire nemmeno i servizi essenziali". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini in Campania, De Luca: "Recuperate le dosi mancanti, entro luglio vaccineremo tutti i capoluoghi di provincia"

AvellinoToday è in caricamento