menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento del torrente Barre: sequestrato depuratore

Si tratta, dunque, di un'ennesima importante attività svolta dai militari del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino in sinergia con la Procura della Repubblica

A San Michele di Serino presso l’invaso artificiale del Torrente Barre  e condotta anche attraverso ripetuti campionamenti di laboratorio eseguiti dall’A.R.P.A. Campania, i militari operanti accertavano che l’inquinamento, tuttora persistente delle acque del citato torrente, da cui era dipesa un’anomala moria dei pesci ivi presenti nonché l’emissione di cattivi odori chiaramente avvertibili in tutta l’area circostante, era dovuto allo sversamento abusivo di acque reflue urbane non depurate provenienti dall’impianto sottoposto a sequestro, la cui gestione e manutenzione risultava essere stata affidata dall’Ente locale ad un’associazione composta da varie società. Sei le persone denunciate.

Si tratta, dunque, di un’ennesima importante attività svolta dai militari del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino in sinergia con la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino: il tutto a testimonianza di una costante ed incessante lotta all’illegalità nella provincia irpina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento