menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Suicidio con giallo, cellulare nella bara e il magistrato blocca i funerali

I dipendenti dell'agenzie di onoranze funebri si sono visti bloccati nel prelevare la salma all'obitorio dell'ospedale San Giuseppe Moscati

Sulla morte dell'avellinese Pellegrino Pulzone trovato dalla figlia impiccato nella cantina di casa è giallo.

 Le esequie che dovevano svolgersi nella chiesa della Trinità dei Poveri sono state sospese a poche ore dal loro inizio. Il magistrato, infatti ha ritenuto fare, prima di autorizzare il dissequestro della salma, ulteriori approfondimenti. Ha chiesto di riaprire la bara per consultare il cellulare che i familiari avevano posto all'interno. 

I dipendenti dell'agenzie di onoranze funebri si sono visti bloccati nel prelevare la salma all'obitorio dell'ospedale San Giuseppe Moscati. Di fatto, non c'era ancora il sì al dissequestro della salma del magistrato. Intanto, parenti e amici aspettavano davanti la chiesa l'arrivo del feretro. E' stato un familiare a raggiungere il sagrato della chiesa per comunicare a tutti il blocco delle esequie. Sarà effettuata l'autopsia per accertare  ogni aspetto della morte dell'uomo che si è impiccato tre giorni fa nella cantina di casa sua in via Imbimbo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento