Cronaca Montella

Montella, l'appello disperato della signora Giovannina: "Ho 100 anni e mi hanno sfrattata di casa"

È assolutamente inaccettabile e impensabile che un’anziana donna di 100 anni possa ritrovarsi senza un tetto

È una storia veramente triste (e difficile da comprendere) quella che arriva da Montella: Giovannina Addesso, di anni 100, è stata sfrattata dall’abitazione dove risiede. Il comune di Montella ha giustificato lo sfratto affermando che la sig.ra Giovannina - assegnataria dell'alloggio - in realtà non lo occupa stabilmente da alcuni anni. Anzi, aggiungendo che, dagli accertamenti effettuati, risulta che la donna, pur essendo residente anagraficamente, non occupa l'alloggio IACP in via G. Delli Gatti ma - di fatto - abita in via della Piana da diversi anni.

Una convinzione smentita con forza da Giovannina e dai suoi familiari che, senza perdere tempo, si sono rivolti al sindaco di Montella, Rino Buonopane, per avere chiarimenti. La decisione del primo cittadino, però, è stata irrevocabile e l’anziana centenaria si è vista recapitare lo sfratto che annunciava la decadenza dell’assegnazione dell’alloggio, la risoluzione del contratto di locazione e il rilascio immediato dell’immobile. Una decisione, quella dell’amministrazione, che – neanche a dirlo – ha provocato alla donna una sofferenza indicibile.

I familiari di Giovannina hanno affermato che la signora, essendo estremamente anziana (e con problemi di udito) non apre a nessuno; quindi, sarebbe stato letteralmente impossibile rispondere al sopralluogo della polizia municipale. A testimonianza di quanto affermato, inoltre, i familiari hanno portato anche il documento che attestava la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario/obbligatorio che la signora ha dovuto osservare nel maggio scorso in quanto è stata CONTATTO DIRETTO DI PERSONA POSITIVA AL COVID. Un isolamento domiciliare che, ovviamente, Giovannina ha trascorso presso l’abitazione in oggetto, dove risiede e vive.

IMG-20210913-WA0028-2

Una situazione, quella che vi abbiamo raccontato, che necessita immediatamente di un intervento da parte delle istituzioni.  È assolutamente inaccettabile e impensabile che un’anziana donna di 100 anni possa ritrovarsi senza un tetto.

Fondamentale, quindi, un intervento che possa garantire diritti e dignità: una operazione che non può più essere rinviata. In Irpinia, spesso, vediamo celebrare anziani che raggiungono l’invidiabile traguardo dei 100 anni. Non possiamo permettere che Giovannina, al posto di un biglietto di auguri, si veda recapitare una notifica di sfratto. FACCIAMO QUALCOSA.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montella, l'appello disperato della signora Giovannina: "Ho 100 anni e mi hanno sfrattata di casa"

AvellinoToday è in caricamento