menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Residenti del Vallo Lauro - Baianese sbigottiti per le condizioni dell'Ospedale di Nola

Gli abitanti del Vallo Lauro Baianese si servono della struttura di Nola per la vicinanza al proprio territorio. Interviene anche il consigliere regionale Enzo Alaia

Il caso dell’Ospedale 'Santa Maria la Pietà' di Nola riguarda da vicino anche i cittadini dell’Irpinia, coloro i quali vivono nei comuni del Vallo Lauro Baianese che si servono di quella struttura sanitaria (circa 30mila persone). Le notizie che circolano in queste ore, rappresentano una brutta pagina per l’assistenza sanitaria.

I carabinieri del Nas sono stati inviati dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin all'ospedale di Nola dopo le denunce sulle condizioni in cui sono stati accolti, su materassi per terra, alcuni malati. I Nas dalle ore 10 di questa mattina sono nel nosocomio a controllare quanto accaduto.

“Abbiamo preferito curare le persone a terra piuttosto che non dare loro assistenza. In ospedale abbiamo 15 barelle, 10 delle quali al pronto soccorso, e sabato ne abbiamo 'sequestrate' due alle autoambulanze per far fronte all'emergenza venutasi a creare”. dice Andrea De Stefano, direttore sanitario dell'ospedale “Qui  arrivano persone dall'agro sarnese, dal vesuviano, dal nolano, dall'avellinese, dall'acerrano, per un'utenza di circa 300mila persone. Ma i medici fanno il loro dovere, e danno assistenza nel migliore dei modi possibili, considerando anche che l'ospedale ha 107 posti letto a disposizione, e ne sarebbero necessari, nella norma, almeno il doppio. Noi non ci scoraggiamo, e siamo sereni, siamo pronti a chiarire tutto quanto ci sarà chiesto di chiarire”.

Sul caso interviene il vice presidente della commissione salute in Regione Campania Enzo Alaia, riferimento politico proprio dell’area del vallo lauro baianese.  “Quanto accaduto al ‘Santa Maria della Pietà di Nola’ è il risultato delle cattive gestioni della passata legislatura, caratterizzate da miopi logiche ragionieristiche orientate unicamente al taglio di risorse e alla riduzione di servizi. L’inchiesta interna, predisposta dal Presidente De Luca, servirà non solo a individuare i responsabili di quanto accaduto, ma anche a rilanciare questo importante presidio sanitario che è un punto di riferimento per migliaia di cittadini.” Lo afferma Enzo Alaia, Vice Presidente della commissione sanità del Consiglio regionale della Campania.

“E’ evidente – aggiunge Alaia - che le immagini che abbiamo visto sono raccapriccianti; situazioni che non devono mai più ripetersi. Va detto anche, tuttavia, che grazie all’azione del Governatore e ai nuovi direttori generali, la sanità in Campania ha fatto significativi passi in avanti, nonostante la pesante eredità a noi lasciata da chi non ha mai affrontato i problemi dei nostri ospedali con la minima consapevolezza del territorio e delle sue esigenze. L’unica logica applicata è stata quella di un rigore fine a se stesso, tanto miope quanto disastroso.”

“Abbiamo piena fiducia nel Presidente De Luca che, come già ha fatto in altre strutture, saprà rilanciare anche il ‘Santa Maria della Pietà’. Per quanto mi riguarda – chiude il consigliere regionale - investirò la Commissione sanità per contribuire con più di un'apposita seduta a risolvere i problemi, ad affrontare le criticità, e a rimediare alle carenze che si sono evidenziate con drammaticità.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento