L'autopsia sul corpo di Pina conferma il soffocamento

I fratelli pronti ad accusare l'omicida

L’autopsia sul corpo di Pina Bellizzi ha confermato quanto si ipotizzava dall’esame esterno del cadavere: la donna è stata soffocata, probabilmente con un cuscino. L'esame esterno è stato effettuato nella giornata di giovedì dal medico legale, Elena Picciocchi.

La scena del delitto

Il corpo di Pina è stato rinvenuto nella stanza da letto, nella sua abitazione a San Tommaso. In casa era ancora presente il fratello della vittima, Luigi, 71 anni, accusato anche di aver tentato di uccidere l’altro fratello, il 68enne Gennaro, ferito con un coltello.

La decisione del fratello, salvo per miracolo 

Gennaro e un altro fratello hanno deciso di farsi rappresentare dall’avvocato, Nello Pizza, e di costituirsi parte civile. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Avellino è in lutto: Tina si è spenta dopo una lunga malattia

  • Tragedia alla clinica Malzoni: bimbo nato morto, aperta un'inchiesta

  • Azienda cerca vari profili per opportunità di lavoro

  • Avellino, maxi blitz contro il nuovo clan Partenio: 23 arresti

  • "Nuovo Clan Partenio" in ginocchio, i dettagli dell'operazione

  • Bimbo nato morto alla clinica Malzoni, effettuata l'autopsia

Torna su
AvellinoToday è in caricamento