menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Processo Isochimica, chieste le condanne per 27 imputati

A quarant’anni dalla chiusura della fabbrica di amianto di Borgo Ferrovia, arrivano le richieste di condanna

Sono state emesse nella giornata odierna, nell’aula bunker di Poggioreale, le richieste di condanna per i 27 imputati del processo riguardante l’ex Isochimica di Borgo Ferrovia. Diverse le accuse a loro carico: omicidio colposo plurimo, disastro ambientale continuato, lesioni dolose e omissioni in atti di ufficio. A presiedere il collegio è stato il giudice Sonia Matarazzo, mentre il Pubblico Ministero Roberto Patscot ha formulato una lunga requisitoria per dare giustizia alle oltre 30 vittime.

Ecco le richieste di condanna:

Per Izzo Vincenzo, responsabile sicurezza Isochimica, chiesti anni 10 di reclusione. De Luca Pasquale, responsabile sicurezza Isochimica, chiesti anni 10 di reclusione. Serio Alderio, funzionario Ferrovie dello Stato, chiesti anni 10 di reclusione. Notarangelo Giovanni, funzionario Ferrovie dello Stato, chiesti anni 10 di reclusione. Finocchi Mauro, funzionario Ferrovie dello Stato, chiesti anni 10 di reclusione. Caroti Silcano, funzionario Ferrovie dello Stato, chiesti anni 10 di reclusione. Galasso Gianluca, sindaco, chiesti anni 2 e mesi 6 di reclusione. Rotondi Antonio, assessore, chiesti due anni di reclusione. Barile Sergio, assessore, chiesti anni 2 di reclusione. Giordano Giancarlo, assessore, chiesti anni 2 di reclusione. Capone Ivo, assessore, chiesti anni 2 di reclusione. Iermano Tony, assessore, chiesti anni 2 di reclusione. Pennetta Donato, assessore, chiesti anni 2 due di reclusione, Iandolo Luca, assessore, chiesti anni 2 di reclusione. Pericolo Raffaele, assessore, chiesti anni due di reclusione. Tizzani Francesco, dirigente comunale, chiesti mesi 6 di reclusione. Barbieri Francesco, imprenditore, chiesti anni 2 di reclusione. Cicalese Luigi, dirigente comunale, chiesti mesi 6 di reclusione. Foti Paolo, sindaco, chiesti mesi 6 di reclusione. De Lisa Biagio, imprenditore, chiesti anni 2 di reclusione. D’Ambrosio Giovanni, imprenditore, chiesti anni 2 di reclusione. Rosti Giovanni, Imprenditore, chiesti anni 2 di reclusione. Di Filippo Francesco, imprenditore, chiesti anni 2 di reclusione. Gabrielli Leonida, avvocato e curatore fallimentare Isochimica, chiesti anni 2 di reclusione. De Piano Michele, funzionario Asl, chiesti mesi 6 di reclusione. Borea Luigi, funzionario Asl, chiesti mesi 6 di reclusione. Blasi Giuseppe, responsabile procedimento, chiesti anni 2 di reclusione.

Finalmente, dunque, a quarant’anni dalla chiusura della fabbrica di amianto di Borgo Ferrovia, il procedimento si avvicina ad una conclusione.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento