rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Divenuto incapace in corso di causa, finisce così la storia del “santone” accusato di violenze sulle fedeli

Amaro il commento del difensore delle vittime: "Oggi la giustizia ha perso" 

Divenuto incapace in corso di causa, finisce così la storia del “santone” a processo accusato di violenze dalle sue fedeli.
Questo il triste epilogo una vicenda processuale che si trascina da anni per la caparbietà di due vittime e del loro difensore, il penalista Danilo Iacobacci, che erano riusciti a portare all’attenzione della magistratura e a far processare la guida spirituale di molte anime in una parte remota dell’ Irpinia.

Stamattina lo psichiatra Ruggiero ha dichiarato in aula la incapacità dell’imputato, si avvia così a morire il processo penale davanti al Tribunale Collegiale di Avellino per le singole violenze sessuali, e analoga sorte toccherà verosimilmente al processo pendente innanzi alla Corte di Assise per riduzione in schiavitù delle fedeli.

L'avvocato delle vittime: "Oggi la giustizia ha perso" 

Amaro il commento del difensore delle vittime che aveva fatto nascere il processo: "Oggi le vittime hanno perso contro la malattia mentale dell’imputato, e non hanno potuto vedere affermare o negare le loro accuse da parte di un Tribunale o una Corte. E’ certamente un giorno triste per la giustizia". Queste le parole rilasciate alla stampa dall’avvocato Iacobacci.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Divenuto incapace in corso di causa, finisce così la storia del “santone” accusato di violenze sulle fedeli

AvellinoToday è in caricamento