rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Sotto inchiesta perché fornì denaro falso: rinvio a giudizio per avellinese

Si tratta di un procedimento scaturito dall'operazione denominata Magic Money che, tra il 2013 e il giugno 2014, portò a sette arresti e 18 denunce per un traffico di soldi falsi tra Campania e Nord Italia, via Marche.

Sono stati rinviati a giudizio e verranno processati il 27 maggio. Marco Antonio Napoli, messinese residente a Fano, dovrà rispondere di spendita di banconote false, mentre Gennaro De Stefano, 27 anni, di Napoli, e Giovanni Pisani, 29 anni, di Avellino, sono sospettati di essere i fornitori del denaro falso e accusati anche di estorsione: avrebbero minacciato un agente d'affari milanese per farsi pagare una seconda tranche di fornitura da 11 mila euro. Pisani e De Stefano, erano stati arrestati a novembre del 2013. Tutti sono stati però già scagionati dall'accusa di associazione per delinquere. Si tratta di un procedimento scaturito dall'operazione denominata Magic Money che, tra il 2013 e il giugno 2014, portò a sette arresti e 18 denunce per un traffico di soldi falsi tra Campania e Nord Italia, via Marche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sotto inchiesta perché fornì denaro falso: rinvio a giudizio per avellinese

AvellinoToday è in caricamento