menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid in Irpinia: gli angeli dell'Ospedale Moscati mi hanno regalato una seconda “Vita”

La testimonianza di uno dei fortunati, graziato da Dio e dal pronto soccorso del Moscati di Avellino, che ha fatto di tutto per salvargli la vita

“I MIEI ANGELI” La mia testimonianza sull’esperienza Covid e l’eccellenza del Moscati di Avellino 

Basta dichiarare solo i morti! Basta bollettini di numeri. Siamo persone che hanno combattuto e siamo ritornate alla vita grazie alle cure di medici infaticabili e i media devono cominciare a dichiarare questo: quante vite vengono salvate ogni giorno grazie allo straordinario lavoro di medici, infermieri, ed Oss nei reparti COVID-19. 

Io sono uno di quelli fortunati, graziato da Dio e da una equipe che, dal 21 Marzo, dal pronto soccorso del Moscati di Avellino ha fatto di tutto per tenermi in “Vita”. 

Non avrei mai immaginato di vivere un’esperienza simile, eppure, è toccato anche a me! 
E oggi sono felice di poterlo raccontare perché si tratta di una seconda possibilità, una vera seconda “Vita”. 

Sono stati giorni difficili, bui, confusionali, il COVID-19 è un vortice che ti devasta fisicamente ma soprattutto mentalmente, ti fa toccare la morte e arrivare alla follia perché, in quel momento, non hai la cognizione di ciò che ti sta capitando… 
sono stati giorni lontani dalle mie abitudini, dagli affetti, dalla mia dimensione lavorativa; persino dalla corazza che negli anni mi sono creato..in un secondo solo è caduto tutto! 

Ma posso dire che Grazie a Luca Rega, Marialuisa Basso, Stefania Colucci, la caporeparto Cipriano Candida, la dottoressa Mariangela Atteno e il grande supporto di Ombretta Candela caporeparto della Pneumologia. Grazie a tutti loro sono stati comunque momenti indimenticabili.

La loro dedizione, la passione, la cura verso i pazienti è unica! 

I gesti: le loro carezze durante la notte. Gli incoraggiamenti: ce la farai siamo con te! L’ovetto portafortuna nel giorno di Pasqua acconto al letto, la Palma della Pace, le mille attenzione degli Oss che riuscivano con la massima riservatezza e delicatezza a farmi vivere la mia dignità personale senza farmi pesare nulla, sono momenti che ti segnano ma che porterò sempre con me! 

Questo vorrei che i media comunicassero, non le guerre psicologiche urlando solo morti, è giusto parlare di chi riesce a salvarsi per dare un messaggio di speranza. Va detto è importante! Queste persone lavorano H24 senza mai stancarsi, senza mai arrendersi, senza mai lasciare da solo chi è in difficoltà, sempre sorridendo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento