Sequestrato stabile di via Serroni adibito a centro di accoglienza

Nel corso dei controlli si è riscontrata anche una falsa documentazione di agibilità, che sarebbe stata rilasciata dal Comune

Il Comandante della Polizia Municipale Michele Arvonio unitamente ai suoi uomini a seguito di controlli finalizzati alla verifica delle strutture che ospitano i cittadini extracomunitari, nel pomeriggio odierno, ha posto sotto sequestro uno stabile sito in contrada Serroni, alle porte di Avellino. Nel corso dei controlli si è riscontrata anche una falsa documentazione di agibilità, che sarebbe stata rilasciata dal Comune. Il provvedimento di sequestro è stato operato anche in considerazione della evidente ferma ed energica volontà nella prosecuzione dell’attività illecita in corso, presentando, non si sa ancora da parte di chi ma sono in corso indagini in questo senso, anche documentazione falsa.

L’urgenza di sequestrare il centro per fermare "l’attività abusiva in atto” è motivata anche dal “grave pericolo per l’incolumità degli immigrati ospitati nella struttura, i cui diritti vengono in questo modo, calpestati senza rispetto alcuno della persona umana. Nei prossimi giorni si deciderà sui provvedimenti di natura urbanistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento