Aias, la Procura chiude il primo filone di indagini sul caso

Sono dieci gli indagati interessati della chiusura dell’inchiesta

La Procura di Avellino continua incessantemente il proprio lavoro per scrivere la parola fine sull’inchiesta Aias. Il Procuratore della Repubblica, Rosario Cantelmo, e il Procuratore aggiunto, Vincenzo D’Onofrio, hanno firmato gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari nei confronti degli indagati. 

Sono dieci gli indagati interessati della chiusura dell’inchiesta

La chiusura delle indagini abbraccia anche il passaggio dell’inchiesta inerente la presidente dell’Associazione Noi con Loro, Annamaria De Mita, e l’ex presidente dell’Aias, Gerardo Bilotta, oltre ad altri soggetti che sono stati coinvolti sia nelle presunte condotte di malversazione e truffa collegate ad un finanziamento della Regione Campania che alle vicende contestate a Bilotta per il peculato e la gestione dei fondi dell’associazione di assistenza ai diversamente abili.

Adesso scatta il termine dei venti giorni per presentare ulteriori memorie difensive

Con l’avviso di chiusura delle indagini preliminari, adesso, scatterà il termine di venti giorni in cui le persone indagate potranno chiedere di essere ascoltate e presentare ulteriori memorie difensive. Successivamente, ci sarà la decisione sull’esercizio dell’azione penale da parte della Procura, con la richiesta di rinvio a giudizio. La questione dei sequestri, convalidati dal Tribunale del Riesame di Avellino, a breve dovrebbe essere fissata davanti ai magistrati della Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quando morirò lasciami dove vuoi" e lei abbandona il cadavere per strada

  • Laurea con 110 e lode per Francesca Bellizzi, figlia di Mimmo

  • Terrore ad Avellino, donna inseguita da malvivente fino a casa

  • Bando di concorso all'Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati”

  • Vuoi lavorare in un birrificio? Serrocroce cerca personale

  • Autostrada: nasce l'Avellino-Salerno-Reggio Calabria

Torna su
AvellinoToday è in caricamento