Le sedi dell’Aias sono state dissequestrate

Il sequestro non ha più motivo di esistere dopo che i principali indagati non ricoprono più i loro ruoli

Le sedi dell’Aias sono state dissequestrate. La Procura di Avellino aveva disposto il sequestro preventivo di tutti i beni e le disponibilità finanziarie. Nella giornata di ieri, però, il Gip, Paolo Cassano, ha accolto il ricorso curato dall’avvocato, Raffaele Bizzarro. 

Stando a quanto si apprende dal provvedimento, il sequestro non ha più motivo di esistere dopo che i principali indagati della distrazione di fondi della Onlus, Gerardo Bilotta e Massimo Preziuso, hanno abbandonato i loro ruoli all'interno della società. E non potrebbero quindi reiterare i reati. Inoltre – scrive il giudice – le distrazioni contestate avrebbero arrecato danno e non certo vantaggio all’Aias.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Mirabella Eclano

  • Laurea con 110 e lode per Francesca Bellizzi, figlia di Mimmo

  • Si spara per errore mentre ricarica il fucile

  • Mario, un giovane di 21 anni, è scomparso

  • L'aglio dell'Ufita e la cipolla di Montoro, re e regina a Norimberga

  • Uomo ritrovato senza vita, non ci sono dubbi sul suicidio

Torna su
AvellinoToday è in caricamento