Le sedi dell’Aias sono state dissequestrate

Il sequestro non ha più motivo di esistere dopo che i principali indagati non ricoprono più i loro ruoli

Le sedi dell’Aias sono state dissequestrate. La Procura di Avellino aveva disposto il sequestro preventivo di tutti i beni e le disponibilità finanziarie. Nella giornata di ieri, però, il Gip, Paolo Cassano, ha accolto il ricorso curato dall’avvocato, Raffaele Bizzarro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stando a quanto si apprende dal provvedimento, il sequestro non ha più motivo di esistere dopo che i principali indagati della distrazione di fondi della Onlus, Gerardo Bilotta e Massimo Preziuso, hanno abbandonato i loro ruoli all'interno della società. E non potrebbero quindi reiterare i reati. Inoltre – scrive il giudice – le distrazioni contestate avrebbero arrecato danno e non certo vantaggio all’Aias.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Avellino in lutto, è scomparso Vincenzo detto "Blues"

  • Migliore Panettone d'Italia, due pasticcerie irpine alla finalissima

  • Claudio Rosa, Capo Ufficio Comando Del Provinciale dei Carabinieri di Avellino, promosso Tenente Colonnello

  • Coronavirus, in Campania è allarme arancione

  • Si allontana da casa e lo ritrovano senza vita, aveva solo 22anni

  • Vino e architettura, in Irpinia una delle cantine più belle d'Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento