rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Calcio, è morto Luigi De Falco: stopper vecchio stile

Militò per otto anni nell'Avellino. Poi rinunciò ad una chiamata della Roma, preferì stare con i suoi cari invece di tentare la carriera agonistica

Un male incurabile ha stroncato la vita di Luigi De Falco, montefortese, una vita trascorsa sui campi di calcio come difensore vecchio stile dell’Avellino. All’abitazione di Gigino, soprannominato “Napoleone” per la sua prestanza fisica è un via vai di gente. Non solo di concittadini ma anche di gente venuta dalla provincia che si sono stretti intorno alla moglie Natalina, alle figlie Cristina, Rossella e Francesca e al fratello Alfonsino.

Quella fascia di capitano dell’Avellino e i campionati esaltanti negli anni sessanta sono un ricordo ancora indelebile delle persone anziane. Militò per otto anni. Poi rinunciò ad una chiamata della Roma, preferì stare con i suoi cari invece di tentare la carriera agonistica.

Lasciata la squadra del capoluogo, milito' ancora per qualche anno in campionati minori, prima di intraprendere la carriera di insegnante di educazione fisica, oltre a qualche breve esperienza di allenatore. Numerosissime le generazioni di giovani studenti che ricordano il professore de Falco, insegnante di educazione fisica alla Dante Alighieri di Avellino.

I funerali si terranno sabato mattina, 1° agosto, nella Chiesa di San Nicola a  Monteforte Irpino in Piazza Umberto I.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, è morto Luigi De Falco: stopper vecchio stile

AvellinoToday è in caricamento