menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calci e pugni alla vicina "invadente": assolto

Dopo ben 19 udienze il trentaquattrenne P.N. è stato nella giornata di oggi mandato assolto

E' stato assolto questa mattina per insufficienza di prove P.N., trentaquattrenne di Avellino da anni residente ad Atripalda in Contrada Alvanite.

I fatti risalgono al mese di Agosto 2014 nel quartiere di Contrada Alvanite, Atripalda, allorquando a seguito di un animato litigio tra vicini di casa intervenivano prima il personale del 118 e poi i Carabinieri della locale Stazione.

Ad avere la peggio una giovane atripaldese, M.G., ventiseienne, la qual veniva condotta in Ospedale dove le veniva diagnosticato un trauma contisivo al labbro superiore, escoriazioni multiple ed un trauma contusivo in regione epigastrica, con 3 giorni di prognosi.

La giovane procedeva immediatamente a sporgere denuncia contro il suo vicino di casa, indicandolo come l'unico responsabile di quanto accaduto.

P.N. veniva pertanto rinviato a giudizio, imputato del reato di lesioni personali.

Dopo ben 19 udienze il trentaquattrenne P.N. è stato nella giornata di oggi mandato assolto.

Fondamentali le argomentazioni difensive prospettate dal difensore del giovane, l'Avv. Rolando Iorio, il quale non solo ha evidenziato le numerose contraddizioni tra il racconto della persona offesa e quello degli altri testi sentiti in aula, ma ha anche posto l'attenzione sull'assoluta mancanza di motivzione alla base del gesto contestato al suo assistito.

La persona offesa, ritenuta quindi inattendibile, è stata condannata anche al pagamento delle spese processuali.

Il Pubblico Ministero presente in aula aveva chiesto la condanna dell'imputato che, invece, è stato scagionato da ogni accusa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento