menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cinquanta chili di botti illegali sequestrati a Grottaminarda

Gli operatori di Polizia nel corso di un accurato controllo presso l’esercizio commerciale, gestito da tre asiatici, constatavano che erano liberamente posti in vendita fuochi pirotecnici anche a minori che stazionavano nei pressi del negozio

Nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto dell’uso dei cosiddetti “botti natalizi” del genere proibito, che registrano un incremento di vendita specie per la festività di fine anno, gli agenti del Commissariato di Ariano Irpino hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Benevento un 40enne, titolare dì attività commerciale in Grottaminarda  e due collaboratrici 34enni, tutti di nazionalità cinese, perché responsabili di detenzione ai fini di vendita di fuochi del genere proibito ed  artifizi  pirotecnici senza essere in possesso della prescritta licenza dell’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Gli operatori di Polizia nel corso di un accurato controllo presso l’esercizio commerciale, gestito dai tre asiatici, constatavano che erano liberamente posti in vendita fuochi pirotecnici anche a minori che stazionavano nei pressi del negozio. Inoltre, occultato all’interno di un furgone parcheggiato nelle vicinanze, si rinveniva un cospicuo quantitativo di fuochi pirotecnici del genere proibito nonché altri artifici pirotecnici sprovvisti dell’etichetta riportante le indicazioni previste dalla vigente normativa in materia; il tutto per un peso complessivo di oltre 50 Kg.

Al termine degli accertamenti di rito i tre sono stati pertanto denunciati in stato di libertà e contestualmente, a carico del titolare è stata emessa sanzione amministrativa pari ad euro 1640 euro, prevista dalla normativa del TULPS in ordine a prodotti privi di regolare etichetta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento