Bomba devasta la pizzeria di Sorbillo, la solidarietà di Daniele Gourmet

Il pizzaiolo Giuseppe Maglione: "L'Irpinia è con te"

"La pizza e l’arte della pizza sono da sempre sinonimo di libertà. 
Episodi come quello accaduto stanotte a Napoli in Via Tribunali non possono e non devono incutere timore a nessuno, soprattutto se si resta uniti.
A Gino Sorbillo va la mia solidarietà, perchè insieme, tutti insieme, possiamo creare un muro contro queste forme di limitazione della libertà e inutili tentativi di intimidazione.
Forza Gino, anche l’Irpinia è con te!". Questo il commento del pizzaiolo Giuseppe Maglione, titolare della nota pizzeria Daniele Gourmet, in seguito alla drammatica vicenda che ha sconvolto il mondo della pizza napoletana. Nella notte, infatti, il centro storico dove ha sede il locale di Gino Sorbillo è stato vittima di un attentato. Come riporta Napolitoday, all'interno del ristorante, chiuso al pubblico, c'era un dipendente del locale scampato alla furia devastatrice della bomba, che ha provocato ingenti danni soprattutto alla parte esterna del locale. Il proprietario, Gino Sorbillo è corso sul posto per constatare i danni e per poi commentare amaramente: "Dopo l’incendio di 5 anni fa adesso arrivano anche le bombe... Mi scuso con tutta la Napoli “buona”, l’Italia “buona” e con tutte le persone che vivono onestamente perché certi avvenimenti così forti ed eclatanti fanno cadere le braccia e demoralizzano la società. Sono stato nell’Arma dei Carabinieri ed ho scelto di fare il Pizzaiolo perché amo troppo la mia città e la amerò per sempre. La Napoli “sana” è sempre nel mio cuore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento