menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agente penitenziario avellinese a processo, assoluzione piena

Per il ragazzo avellinese, c’è stata la piena assoluzione

F.S. 29enne avellinese, agente di Polizia Penitenziaria presso il Carcere Giudiziario S’Anna di Modena, è uscito dal tunnel in cui era finito dal lontano 2014. Come riporta Irpinia News, infatti, il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presieduto dalla Dott.ssa Francica, ha assolto il ragazzo irpino su cui pendeva il serio rischio di una condanna penale che si sarebbe ripercossa irrimediabilmente anche sulla sua permanenza in Polizia.

I fatti

F.S. era alla guida della sua auto quando fu fermato per un controllo da parte degli agenti della Polizia stradale nei pressi di un’area di servizio. Gli agenti accertavano che sul veicolo risultava un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Bologna nei confronti della Concessionaria dove F.S., del tutto ignaro del fatto, aveva acquistato l’auto qualche giorno prima.

Il giovane veniva pertanto condotto presso il Comando della Sottosezione di Caserta Nord per ulteriori accertamenti. Ivi giunti, in considerazione dello stato di agitazione in cui versava F.S., gli Agenti della Polizia stradale gli chiedevano di sottoporsi ad accertamenti tossicologici presso l’Ospedale civile di Caserta al fine di accertare una eventuale recente assunzione di sostanze stupefacenti.

Rifiutandosi di effettuare il test, F.S. veniva denunciato dagli Agenti della Polizia Stradale per il reato di guida in stato di alterazione psico-fisica dovuta ad assunzione di sostanze stupefacenti. A seguito di tale denuncia, prontamente comunicata al Direttore della casa Circondariale di Modena, F.S. fu  momentaneamente sospeso anche dal Corpo di Polizia Penitenziaria.

Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, dal canto suo, in considerazione della denuncia sporta dagli Agenti della Polizia Stradale, con decreto penale di condanna, emesso in data 31 Luglio 2014, ha condannato il giovane avellinese alla pena di Euro 16.000,00 di ammenda, ritenendolo quindi colpevole del reato di guida sotto assunzione di sostanze stupefacenti.

Avverso tale condanna proponeva opposizione il difensore di fiducia del poliziotto penitenziario, l’Avv. Rolando Iorio, che chiedeva invece la celebrazione di un processo. Qui giungiamo alla giornata di venerdì 19, quando si è definitivamente chiuso il processo a carico del 29enne. Per il ragazzo avellinese, c’è stata la piena assoluzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, nuovo decesso al Frangipane: muore 64enne

  • Cronaca

    Shock a Quadrelle, suicida il 25enne Saverio Fiore

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento