menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assistente capo di polizia penitenziaria muore in ospedale dopo il tentato suicidio

L'uomo è stato trovato dai colleghi all'interno del bagno del Carcere minorile Casal del Marmo di Roma

Non ce l'ha fatta Alfredo Pagani, assistente capo di polizia penitenziaria di 42 anni, in servizio al Carcere minorile Casal del Marmo di Roma. L'uomo, conosciuto a Mercogliano, dove vive ancora la mamma,si è tolto la vita proprio all'interno della struttura penitenziaria.  Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe lo ricorda così: “Alfredo, celibe, era assente dal servizio da diversi mesi per una patologia psicologica ma viveva in Caserma. Gli era stata ritirata la pistola, ma questo non ha impedito che mettesse in atto il tragico gesto. Si è infatti impiccato con una cinghia in bagno”.

L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio, verso le tre e mezza, ed era stato trovato dai colleghi nel bagno della caserma dell'istituto penale per minorenni. Vani tutti i tentativi di rianimarlo e vana anche la corsa dell'ambulanza verso l'ospedale San Filippo Neri. Nella mattinata il suo cuore ha smesso di battere. Le esequie si terranno lunedì 19 Dicembre a Mercogliano nella chiesa della Santissima dell'Annunziata alle ore 16.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento