rotate-mobile
Cronaca

Accoltellamento a Rione Mazzini, Vicino resta in carcere

Nella mattinata di oggi, il Gip Marcello Rotondi ha convalidato l’arresto del ragazzo di San Tommaso

Paolo Valentino Vicino, il giovane di 23 anni che il 17 settembre scorso ha aggredito e accoltellato l’amico 28enne Alex Aufiero, resta in carcere. Nella mattinata di oggi, il Gip Marcello Rotondi ha convalidato l’arresto del ragazzo di San Tommaso. L’avvocato di Vicino, Antonella Zotti, ha chiesto gli arresti domiciliari. Nella giornata di oggi Vicino ha affermato che l’episodio delittuoso sarebbe stato il frutto di una rissa tra i due: Aufiero aveva delle bottiglie di birra in mano e gliel'avrebbe gettate addosso. 

La grave aggressione dovuta a futili motivi

I fatti risalgono a sabato 17 settembre 2022. Alex Aufiero, 28 anni, ha riportato varie ferite da accoltellamento all'addome, oltre a un vistoso taglio sulla fronte (per il quale si è resa necessaria l'applicazione di 14 punti di sutura) e ad alcune ferite a un orecchio e alle braccia. Per l’aggressione, veniva arrestato Paolo Valentino Vicino, un giovane di 23 anni di San Tommaso. Stando a quanto si apprende, la lite – poi ferocemente degenerata – è scaturita per futilissimi motivi: un debito di appena 20 euro per l'acquisto di carburante. Nel verbale, ancora, veniva sottolineato che anche lo stesso Vicino presentava delle lesioni al volto e alla mano. Inoltre, la sera successiva all’arresto, il fratello di Aufiero si è introdotto nell’abitazione della sorella di Vicino che, stando a quanto si apprende, è l’ex fidanzata proprio del gemello del 28enne. Il giovane avrebbe fatto ingresso nell’abitazione passando per il balcone. L’episodio è stato subito denunciato dalla sorella di Paolo Valentino Vicino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoltellamento a Rione Mazzini, Vicino resta in carcere

AvellinoToday è in caricamento