Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

Davide Filadoro rappresenterà l'Irpinia nel concorso Miglior Chef Emergente

Lo chef: "Un posto particolare nella mia cucina spetta a Lapio"

La passione per la cucina, l'amore per la sua amata terra e la determinazione di perseguire i sogni alimentano il talento del giovane Davide Filadoro. Uno chef che da qualche anno si sta facendo notare per il suo stile autenticamente irpino, ma con notevoli contaminazioni tecniche e culturali. 

Un background gastronomico di tutto rispetto che gli è valso la partecipazione ad un concorso ambizioso. Lo chef di Lapio quest'anno concorrerà per la regione Campania al Concorso Miglior Chef Emergente 2020 selezione Centro Sud.

Screenshot_20200114_112225-2

Filadoro nonostante la sua giovane età ha calcato già cucine prestigiose: prima al fianco di Marco Caputi al Maeba di Ariano Irpino, poi insieme ad Antonio Natale al Pater Familias di Paternopoli e dulcis in fundo, quest'estate, è stato nella brigata del grande Chef Claudio Lanuto, in uno dei migliori ristoranti della Costiera Amalfitana. 

Screenshot_20200114_111920-3

In ultimo proprio in virtù della grande fede verso le potenzialità della gastronomia irpina ha preso parte a numerosi show cooking del Pastificio Graziano srl di Manocalzati. Davide palesa nei suoi piatti l'attaccamento alle radici che si esplica non solo nel gusto, ma anche nella selezione dei migliori prodotti gastronomici irpini. 

"La passione per la cucina mi accompagna fin da bambino, un hobby che presto è diventato un lavoro - ha commentato Davide - 

Sono legato alla mia terra e nei miei piatti cerco di portare avanti il nome dell'Irpinia, cerco far conoscere i nostri territori attraverso i colori e i molteplici prodotti a km 0. Un posto particolare nella mia cucina ovviamente spetta a Lapio che non è solo la mia casa, con esso ho un rapporto vivo e d'amore". 

Screenshot_20200114_112237-2

Con questa filosofia Davide gareggerà in un evento che vede sfidarsi i migliori chef under 30, quelli che un domani saranno i protagonisti della grande cucina italiana. Questo Premio nel passato ha premiato e valorizzato numerosi giovani chef a quel tempo sconosciuti che poi sono pian piano diventati famosi. Citiamo tra i tantissimi: Vincenzo Candiano, Marco Martini, Antonia Klugmann, Olivier Piras, Cristoforo Trapani, Matteo Metullio, Stefano Deidda, Marco Ambrosino, Francesco Brutto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori ristoranti di Avellino, ecco la nostra classifica

  • Fine dei disagi, riapre il viadotto di Parolise

  • Colta da un malore durante un compleanno, muore 18enne

  • Tremendo schianto frontale, donna muore sul colpo

  • Nuovo Clan Partenio, ecco come è cambiata la camorra in Irpinia dopo l'operazione "Partenio 2.0"

  • Nuovo Clan Partenio, c'è attesa per capire il destino dei locali "It's Ok" e "Pomodoro"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento