rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rincari, i commercianti protestano e ad Avellino sale la tensione

Monta la protesta dei commercianti di Avellino presso la Chiesa di San Ciro. Oggi, i toni si sono accesi per un argomento che, ormai, è divenuto impossibile da affrontare

Monta la protesta dei commercianti di Avellino presso la Chiesa di San Ciro. I manifestanti si sono riuniti per manifestare il loro disappunto nei confronti del caro vita e della totale assenza di iniziative e misure atte a contrastare la crisi economica. All'appuntamento erano presenti anche il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, e il vicesindaco Laura Nargi. Non sono mancati i momenti di contestazione e gli animi si sono rapidamente surriscaldati.

Tutti i comparti sono in ginocchio

Un problema, quello del caro bollette, che - ormai - ha messo in ginocchio tutti i comparti. Per il mese di ottobre è atteso un rincaro per la bolletta dell'energia elettrica del 60%, ma ora i conti vanno fatti anche con gli aumenti del gas: da 108,43 centesimi per metro cubo a 196 centesimi a metro cubo. Questo è il rincaro dell’86% circa che subirà il costo della materia prima gas a ottobre, che quindi si tradurrà con un aumento delle bollette relative ai consumi fatturati in ottobre di quasi il 74%. L’Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ha pubblicato sul sito il valore (cioè il costo) del gas che pagherà chi riceverà nel corso del mese di ottobre la bolletta relativa a consumi fatturati in acconto nel mese di ottobre. Dunque il gas torna a impennarsi, dopo due trimestri di tregua (nel terzo trimestre 2022 era rimasto invariato e nel secondo trimestre era sceso del 10%), che aveva dato un po’ di sollievo dopo i balzi del primo trimestre 2022 (+41,8%), del quarto trimestre 2021 (+14,4%) e del terzo trimestre 2021 (+15,3%). 

Se il costo trimestrale della luce dovesse continuare dopo l’ultima decisione dell’Arera e attestarsi sul livello di 446 euro per i prossimi quattro trimestri 2023, e cioè nell’intero anno, le famiglie si troveranno una bolletta pari a circa 1.800 annui. Identica cosa per il gas. Simulando una previsione che Arera farà a fine ottobre di un costo al metro cubo di 1,8 euro la spesa annua per questa bolletta si assesterebbe a 2.520 euro annui. Il totale complessivo per le due bollette sarebbe di 4.320 euro annui

Sullo stesso argomento

Video popolari

Rincari, i commercianti protestano e ad Avellino sale la tensione

AvellinoToday è in caricamento