Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

De Dona cambia volto, ecco l'Industrial Bar: "Vogliamo dare nuovo lustro a Parco Di Nunno"

Riapre i battenti il locale situato nel parco di Piazza Kennedy: "In questo periodo storico, molto particolare, soprattutto per l'economia dei giovani imprenditori, abbiamo deciso di investire e rischiare. Continueremo a chiedere il presidio di legalità"

 

Dopo oltre due mesi di chiusura, dovuti ai lavori di ristrutturazione del locale, la riapertura in una nuova veste. Il De Dona Industrial Bar cambia volto e si presenta ai suoi clienti.

"Abbiamo investito e rischiato per dare nuovo lustro al Parco Di Nunno"

"Oggi per noi è una gioia" afferma con soddisfazione Giuseppe Matarazzo. "Siamo stati chiusi negli ultimi due mesi e mezzo, per consentire una ristrutturazione generale del locale e conferirgli un'immagine differente. In questo periodo storico, molto particolare, soprattutto per l'economia dei giovani imprenditori, tra cui il nostro proprietario e tanti altri, le difficoltà sono tante. Ma noi abbiamo deciso comunque di investire e rischiare per dare nuovo lustro a quest'attività e al Parco Di Nunno".

"Continueremo a chiedere il presidio di legalità fisso"

E, a proposito del Parco, teatro, nei mesi passati, di alcune vicende di degrado, spaccio di droga e furti, il De Dona Industrial Bar garantisce il proprio impegno a battersi per la legalità. "E' il nostro pallino fisso da quando abbiamo aperto" continua Matarazzo. "Abbiamo deciso che lotteremo per migliorare il Parco Di Nunno. Si sono verificati alcuni episodi incresciosi che hanno riguardato anche la nostra struttura. Cercheremo di fare il nostro meglio, impegnandoci anche con le persone che risiedono nell'area circostante. Continueremo chiedere il presidio di legalità fisso in questo parco, nella speranza di conferire alla nostra attività e al parco stesso una nuova immagine".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento