Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Regionali, Ciampi (M5S): "De Luca e Caldoro si sono completamente dimenticati le aree interne"

La nostra intervista esclusiva all'ex sindaco di Avellino, candidato alle regionali con il Movimento 5 Stelle

 

Dalla gestione dell'emergenza Covid-19 alla riapertura delle scuole, spaziando per le tematiche ambientali e per i sondaggi che, proprio come due anni fa, anche oggi non incutono alcun timore. AvellinoToday ha intervistato, in esclusiva, Vincenzo Ciampi, ex sindaco di Avellino e candidato alle prossime Regionali con il Movimento 5 Stelle.

"Mi sembra strano dire che la Ciarambino ha utilizzato toni forti in merito alla questione Covid su De Luca. E' il Governatore uscente che ha messo in atto un cinismo deprecabile, è lui che ha parlato di lanciafiamme e cinghialoni, ha fatto un vero e proprio show continuo con le sue dirette, senza la presenza dei giornalisti" afferma Ciampi. "Non mi sembra, pertanto, il caso di stigmatizzare le dichiarazioni della nostra Valeria Ciarambino. Nel periodo del lockdown, la Regione Campania si è trovata con 300 posti letto in meno, a fronte dei 600 circa previsti: la responsabilità è tutta in mano al Governatore, che ha avuto la delega alla sanità ed è stato commissario regionale della sanità. La vera fortuna è da ricercare nel fatto che il Covid non è stato aggressivo in Campania, così come in altre Regioni d'Italia, come la Lombardia".

Anche sulla questione ambiente, Ciampi è molto duro nei confronti del presidente uscente, e non solo: "De Luca, e prima ancora anche Caldoro, si sono completamente dimenticati delle aree interne, soprattutto per quanto riguarda l'ambiente. Parlare, oggi, di un Sabato inquinato o di un Calore senza acqua sono delle cose gravi. Anche i fondi europei devono essere proiettati sul green, attraverso una politica di bonifica dei fiumi e che possa evitare anche sversamenti nei corsi d'acqua. Bisogna, altresì, puntare sul turismo, per riscoprire la bellezza della natura attraverso la crescita di una politica di coscienza civica: penso alle piste ciclabili. Non possiamo dimenticare la qualità dell'aria: abbiamo registrato nell'ultimo periodo circa 44-45 sforamenti, a fronte dei 35 previsti. Se abbiamo nella filiera degli enti locali una Regione che non è sensibile a questo argomento non si va da nessuna parte".

Negli ultimi giorni, vi sono state, e vi sono tuttora, molti dubbi e polemiche sull'inizio del nuovo anno scolastico e della ripresa delle lezioni in aula. "Il Ministro Azzolina, insieme al Comitato Tecnico Scientifico, ha dato le direttive. Voglio fidarmi del Governo, degli esperti e degli scienziati e che le nuove misure possano funzionare" precisa Ciampi. "La presenza in aula è sempre preferibile rispetto alla didattica a distanza. Sono favorevole alla riapertura delle scuole e, nell'eventualità, ad adottare tutti i provvedimenti necessari. Ma, onestamente, sparare a zero sul nostro Ministro dell'Istruzione mi sembra alquanto ingeneroso".

Una battuta, infine, sulle previsioni di questa tornata elettorale: "I sondaggi non sono mai stati generosi con il Movimento 5 Stelle. Personalmente, sono abbastanza ottimista: ho girato l'Irpinia, sono in mezzo alla gente e c'è ancora fiducia in noi, perché abbiamo portato novità nel governo nazionale. Siamo la politica onesta, che lavora per l'interesse comune. Credo che l'onda lunga del 2018 non si sia assestata".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento