Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Processo Nuovo Clan Partenio, Della Pia: “Da Festa e D’Alessio decisioni incomprensibili”

Il segretario di Prc ha commentato la mancata costituzione di parte civile nel processo contro i clan criminali attivi nel nostro territorio

 

“Festa e D’Alessio rispettivamente sindaci di Avellino e Mercogliano hanno deciso di non far costituire gli enti che guidano ,parte civile nel processo a carico del clan Partenio”. Dichiara il segretario provinciale di Rifondazione Comunista, Tony Della Pia, in merito alle decisioni dei due sindaci di non costituirsi parte civile nel processo contro i clan criminali attivi nel nostro territorio. 

“Festa – prosegue Della Pia – nel cercare di dare una spiegazione ha usato argomentazioni fumose che rasentano l’ipocrisia. Ricordiamo agli stimati sindaci che le città che guidano hanno subito e subiscono gravi ripercussioni a causa della ramificazione camorrista. Patiscono le donne e gli uomini onesti e perbene, soffrono le attività economiche, il tessuto sociale paga gravi conseguenze. La loro decisione non è assolutamente comprensibile. Nessuno gli chiede di sostituirsi agli organi preposti, ma è loro dovere dare un segnale civile di estraneità, marcare una linea insormontabile, dire con forza che la camorra è una ‘montagna di merda’. Noi non siamo sorpresi, tutt’altro, tuttavia non nascondiamo tutta la nostra indignazione che vorremmo collettiva. Ma si sa, noi comunisti siamo inguaribili sognatori”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento