Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco il “Patto” tra Parco del Partenio e carabinieri forestali contro gli scempi ambientali

Iovino: “Anche gli enti devono fare la loro parte". Il generale Lungo: “Pronti ad una sinergia operativa, ci sono reati che ci preoccupano molto"

 

Incendi, bracconaggio, circolazione abusiva in aree protette. Parco del Partenio e comando regionale dei carabinieri forestali pronti a siglare un patto di ferro per tutelare l’ambiente dei 4 territori che ricadono nelle competenze dell’ente campano. “Il nostro territorio è molto vasto e difficile da controllare”, sottolinea il presidente del Parco Franco Iovino, il quale questa mattina ha ricevuto presso la sede del “Partenio”, a Summonte, il generale Ciro Lungo, comandante della Regione Carabinieri Forestale della Campania.

“Il lavoro sempre efficiente e serio dei militari – prosegue Iovino – da solo non basta. Anche gli enti devono fare la loro parte, a cominciare dai Comuni. Il Parco si rende conto che deve dare il proprio contributo per evitare lo scempio dei nostri territori. Oltre ad aiuti concreti sul campo, siamo pronti a mettere a disposizione strumenti all’avanguardia: dai droni alle telecamere, passando per le biciclette assistite utili a raggiungere anche le zone più impervie. Siamo pronti a collaborare con i carabinieri forestali, nostri “vicini” di casa. L’obiettivo è comune”.

Un incontro preliminare. Così definisce il summit di questa mattina il generale Lungo. “C’è la volontà reciproca – afferma – di stringere un rapporto di collaborazione forte e duraturo. La vastità del Parco impone un coordinamento dei nostri reparti operativi con gli enti preposti. Siamo pronti per una sinergia operativa più stretta, per una collaborazione a tutto campo. Il Parco del Partenio si estende fino alle porte di Napoli, c’è un enorme flusso di persone e di turisti, per questo motivo c’è l’esigenza anche di un supporto tecnologico da parte dell’ente presieduto da Iovino. Purtroppo, le segnalazioni di reati ambientali sembrano essere in aumento. Tra i problemi maggiori, gli incendi, il bracconaggio, la circolazione abusiva. Ben venga, dunque, la collaborazione tra noi e il Parco”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento