Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mercato a Piazzale degli Irpini? Festa: "Con questo ricorso il mercato slitterà ancora"

La conferenza stampa del sindaco sulle sospensive del Tar

 

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Palazzo di Città, in merito all'accettazione delle sospensive da parte del Tar di Salerno, Gianluca Festa smentisce quanto affermato da Antonello Tarantino, direttore della Confesercenti Avellino, e dall'avv. Ciro Aquino.

"Il Tar non ci ha dato sospensive sulla scelta del terminal bus, né tantomeno ha dato sospensive sulle more da me richieste. L'unica notizia che emerge è che, a causa di questo ricorso, il mercato non si fa. Avevo trovato una soluzione per gli operatori, l'unica amica che gli ambulanti hanno in questo momento è la politica. Avendo l'autostazione di Via Fariello, oggetto di lavori che saranno completati a fine dicembre, e dato che Piazza Kennedy non è idonea, urbanisticamente parlando, a ospitare il terminal bus, serviva un altro luogo che non può essere che Piazzale degli Irpini. Un'esigenza, questa, che è della città e non dell'amministrazione".

Il primo cittadino ribadisce il suo totale dissenso nei confronti dei sindacati rei, secondo Festa, di alimentare lo stato di insoddisfazione degli operatori mercatali:

"Non voglio parlare più con i sindacati, ci creano più ostacoli che altro. Siamo arrivati senza una soluzione condivisa, allora siamo andati incontro a quella parte di ambulanti che volevano lavorare, immaginando l'area di Campo Genova, ridonandola alla città e impiegando 200.000 euro lordi per riqualificarla. Il quesito da porci, ora, è il seguente: perché 80 persone pagano per fare il mercato, chiedendoci tutto quello che vogliono fare per svolgere le loro attività e soddisfare le loro esigenze, e poi non si presentano al mercato?".

Il sindaco assicura di aver fatto di tutto per far svolgere il mercato:

"Voglio dire agli operatori: questa battaglia non vi fa bene, vogliono ammazzarvi. L'Amministrazione è con la coscienza a posto. Se poi loro hanno deciso di seguire le voci di altri, ognuno deve prendersi le responsabilità delle proprie azioni".

Festa non è d'accordo sull'inidoneità di Campo Genova, contestata dagli operatori e dalle associazioni di categoria:

"Nel 2008, quando vengono rimosse le ecoballe, l'Arpac aveva dato delle indicazioni alla Fibe e al consorzio rispetto alla bonifica da effettuare. La procedura prevede che se lì c'è la presenza di rifiuti pericolosi, il Tar decreta la sospensiva. Se davvero ci fosse una bomba ecologica in quella zona, dovremmo farla evacuare, ci sono lo stadio e l'ospedale. Io ringrazio chi ha fatto il ricorso perché, nel frattempo, i lavori continueranno e vedremo dopo se l'area non è idonea".

Su un'eventuale alternanza tra bus e mercato, infine, Festa precisa che quest'ultima verrà disposta soltanto se, alla prossima udienza del 18 marzo, il Tar darà definitivamente ragione ai mercatali:

"L'obbligo di cui parla l'avv. Aquino andrebbe in vigore dopo il 18, giorno in cui ci sarà la nuova udienza del Tar".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento