Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luigi Bramati è il nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino: “Le guerre si vincono con il gruppo”

“Molti clan sono attivi nella provincia di Avellino. Noi lavoreremo anche sulla consapevolezza. Il ruolo delle forze dell’ordine deve essere - in primis - quello di comprendere”

 

Nella giornata di oggi, presso il Comando dei Carabinieri di Avellino, ha avuto luogo la presentazione del nuovo Comandante Provinciale, il Colonnello Luigi Bramati, 45enne originario di Roma, che subentra al Colonnello Massimo Cagnazzo, che saluta Avellino dopo quasi tre anni per assumere l'incarico di Comandante della Scuola Carabinieri di perfezionamento al tiro di Roma. 

Queste sono state le dichiarazioni rilasciate agli organi di stampa da parte del nuovo Comandante del capoluogo: 

“Una volta si parlava di sicurezza percepita, adesso vorrei si parlasse di sicurezza condivisa. Ci sono alcuni concetti che prevedono che la sicurezza sia un concetto condiviso e che derivi dal rapporto di collaborazione tra le forze dell’ordine e i cittadini. Quest’anno ricorre il quarantennale dell’anniversario del terremoto del 1980 e, partendo da questo, non posso non citare la storica collaborazione tra i cittadini e i carabinieri. Chiaramente, non sarà Luigi Bramati a raggiungere questi obiettivi ma, piuttosto, lo sarà la squadra. Il mio ruolo sarà incrementare questo affiatamento. Le battaglie si possono vincere da soli ma la guerra si vince con il gruppo. Uno dei pilastri della nostra sfida alla criminalità organizzata, ovviamente, si baserà sul controllo del territorio. L’Irpinia non è un’isola. Molti clan sono attivi nella provincia di Avellino. Noi lavoreremo anche sulla consapevolezza. Il ruolo delle forze dell’ordine deve essere in primis quello di comprendere.

Conosciamo il Colonnello Luigi Bramati

Il Colonnello Luigi Bramati ha intrapreso la carriera militare nel 1991, frequentando la Scuola Militare “Nunziatella” di Napoli e successivamente i corsi regolari dell’Accademia Militare di Modena e della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.

A partire dal 1999, al termine del ciclo di formazione di base, ha prestato servizio presso il 1° Reggimento Carabinieri Paracadutisti “Tuscania”, nel cui ambito ha partecipato, nell’anno 2000, come Comandante di Plotone Carabinieri Paracadutisti, alla missione NATO in Kosovo, per poi assumere il Comando, per quattro anni, dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, a Vibo Valentia, operante principalmente in Aspromonte.

Successivamente, ha Comandato le Compagnie territoriali dei Carabinieri di Cittaducale (RI) e Olbia (SS), per poi prestare servizio per cinque anni presso la Sala Operativa del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, e successivamente come Capo Sezione nell’Ufficio Piani e Polizia Militare del medesimo Comando Generale.

Nel corso della sua carriera, il Colonnello Bramati ha inoltre maturato una consistente esperienza di servizio all’estero nell’ambito di operazioni internazionali di stabilizzazione, operando, come anzidetto, in Kosovo (anno 2000), e in Iraq (2003 e 2006), ove ha ricoperto incarichi nell’ambito di organismi multinazionali rispettivamente a Bassora (Deputy Provost Marshal della Divisione Multinazionale a guida britannica) e Baghdad (International Police Advisor presso il Civilian Police Assistance and Training Team a guida statunitense).

Dal 2016 al 2019 è stato trasferito negli Stati Uniti d’America, ove ha svolto il ruolo di Addetto Aggiunto per la Difesa e la Cooperazione per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia a Washington, DC, con competenza anche su Canada e Messico.

Prima di essere trasferito al Comando dei Carabinieri della Provincia di Avellino, al rientro dagli Stati Uniti, ha prestato servizio presso il Centro Alti Studi della Difesa, quale tutor dei frequentatori del 22° Corso di Stato Maggiore Interforze (ISSMI).

Il Colonnello Luigi Bramati ha conseguito, nel corso della sua carriera, la laurea in Giurisprudenza (1999), nonché in Scienze Politiche (2003) e in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna (2005). Nel 2015 ha inoltre ottenuto, presso l’Università “Roma Tre”, il Master in Studi Internazionali e Strategico-Militari collegato al 17° Corso dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI), frequentato nello stesso anno accademico.

Presentato anche il comandante Iapichino

Nella giornata di oggi è stato presentato anche il capitano Fabio Iapichino, nuovo comandante della Compagnia dei Carabinieri di Avellino: “Ne approfitto per presentarvi il nuovo comandante della Compagnia di Avellino, il comandante Iapichino, che subentra al parigrado Francesco Nicolò Pirronti che ha assunto il comando del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Roma”.

33enne originario di Gela (CL), Fabio Iapichino ha intrapreso la carriera militare nel 2008, frequentando i corsi regolari presso l’Accademia Militare di Modena e la Scuola di Ufficiali di Roma. È laureato in Giurisprudenza e Scienze Politiche. Inizia il suo percorso professionale da Ufficiale nel 2013 quale Comandante di Plotone della 1a Compagnia Allievi Marescialli presso la Scuola di Firenze per essere poi trasferito nel 2015 al comando del Nucleo Operativo di Trieste e successivamente nel bresciano, dove ha comandato la Compagnia Carabinieri di Gardone Val Trompia, maturando vaste e significative esperienze professionali prima di essere trasferito in Irpinia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento