rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

365 giorni dall’invasione russa in Ucraina: Avellino marcia per la pace

Una guerra vergognosa, iniziata il 24 Febbraio 2022, in violazione della Carta delle Nazioni Unite e del Diritto internazionale, che chiede giustizia immediata. Siamo sulla soglia del punto di non ritorno

Sono trascorsi esattamente 365 giorni dall’invasione russa in Ucraina. Una guerra vergognosa, iniziata il 24 Febbraio 2022, in violazione della Carta delle Nazioni Unite e del Diritto internazionale, che chiede giustizia immediata. Ci sono stati un numero enorme di morti, di omicidi, infanticidi, femminicidi, feriti, mutilati, sfollati, rifugiati, sofferenze, disperazione, distruzioni, macerie, che continuano ad aumentare, purtroppo, di giorno in giorno, i combattimenti diventano sempre più feroci e distruttivi e minacciano di coinvolgerci direttamente. Rischiamo la distruzione di noi stessi. Siamo sulla soglia del punto di non ritorno.

365 giorni dall’invasione russa in Ucraina: Avellino marcia per la pace

Mobilitazioni per la pace nelle città italiane ed europee

Per questo “Europe for Peace” ha invitato a promuovere mobilitazioni nelle città italiane ed europee a un anno dall’invasione dell’Ucraina, per chiedere il cessate il fuoco, il dialogo e i negoziati di pace per costruire un’Europa sicura e pacifica per tutti. Questa sera, anche ad Avellino, si è svolto un corteo/fiaccolata che, da Piazza Libertà antistante Palazzo Vescovile, si è mosso verso Corso Vittorio Emanuele antistante la Prefettura di Avellino e attraversando la piazza. “Per gli avellinesi è importante essere qui stasera, è importante alzare la voce in questa fase dove, probabilmente, solo il Papa lo fa concretamente. Ed è importante mostrare attenzione e presenza”, afferma il sindaco di Avellino Gianluca Festa. “C’è un bel po’ di gente qui in Piazza Libertà, al corteo e alla fiaccolata ed è ancora più importante che il governo italiano sia al fianco dell’Ucraina, con tutti i mezzi e senza appartenenze; né politiche né partitiche. Avellino c’è”, conclude.

Avellino mostra la sua solidarietà al popolo ucraino 

Mostrare solidarietà al popolo ucraino e alle vittime di tutte le guerre, le violenze, le repressioni e le discriminazioni nel mondo attraverso manifestazioni in tutta Italia ed Europa. Questo era il desiderio, questo è ciò che è avvenuto: mostrare vicinanza alle vittime innocenti di questa e di tutte le altre tragiche guerre che continuano a devastare il pianeta e le vite umane. Avellino ha risposto presente. 

Video popolari

AvellinoToday è in caricamento