Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Futuro delle aree interne, il Ministro del Sud Provenzano ad Avellino

Le dichiarazioni del Ministro del Mezzogiorno, ospite di eccezione al convegno organizzato presso il Polo Giovani di Via Morelli e Silvati

 

Si è svolto questa mattina, presso l'auditorium del nuovo Polo Giovani di Avellino in via Morelli e Silvati, l'incontro sul destino delle Aree interne, alla presenza del Ministro del Mezzogiorno e della Coesione Territoriale, Giuseppe Provenzano.

Provenzano: "Sostenibilità ambientale e digitalizzazione nelle aree interne"

Il Ministro del Sud ha esordito, descrivendo le ultime misure portate avanti dal Governo per il rilancio economico del Meridione: "Recentemente, abbiamo approvato la clausola del 34%: questa percentuale di risorse deve andare al Sud. Abbiamo programmato 10,5 miliardi di euro di investimenti per il Meridione, non abbiamo mai spostato così tanti fondi dal Nord al Sud".

Un ingente piano di investimenti, che rientra nell'ottica di conferire nuova vitalità alla strategia nazionale per le aree interne: "Vogliamo passare dalla sperimentazione a una politica strutturale, puntando sui sistemi produttivi locali. Abbiamo stanziato 500 milioni di euro per le aree interne. È una fase importante, perché tutti gli obiettivi che l'Ue ci ha posto, tra cui la sostenibilità ambientale e la digitalizzazione, devono realizzarsi qui".

Secondo Provenzano, è necessario mettere a fuoco quelli che sono i veri problemi del Mezzogiorno: "Voglio farvi notare che sulla realizzazione della Tav Napoli-Bari le procedure commissariali sono molto più lente del previsto. Non possiamo continuare a esternalizzare le opere: dobbiamo assumere giovani risorse umane nella pubblica amministrazione. È un problema che riguarda non solo lo Stato, ma anche i cittadini e le imprese".

L'ultima parola per il rilancio economico del Meridione va data al Parlamento. "Il Sud ha bisogno di ingenti risorse, soprattutto nell'ambito della sanità" conclude Provenzano.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento