rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Flashmob per le donne iraniane: "Noi siamo dalla parte delle libertà"

L'appuntamento ha avuto luogo in Piazza Libertà ad Avellino: "Noi siamo dalla parte delle donne iraniane"

Nella giornata di oggi, in Piazza Libertà, è svolto il flashmob per le donne iraniane. Noi siamo dalla parte delle donne iraniane. Noi siamo dalla parte delle libertà. Noi siamo per un Iran finalmente libero dal regime teocratico. Perché la libertà delle donne iraniane è anche la nostra libertà. “Non possiamo non essere vicini e solidali con le giovani e i giovani iraniani, che coraggiosamente stanno scendendo in strada per sfidare il regime. Siamo qui a supporto delle donne iraniane e della loro battaglia”, afferma Francesca Gallo di +Europa. “Questa è un’accesa lotta per i diritti. Siamo qui per affermare che i diritti civili conquistati fino a questo momento, non sono garantiti. L’Iran è una prova tangibile che le consapevolezze acquisite non esistono. Stiamo parlando di un paese che, fino agli anni '70, si mostrava libero, moderno. Le donne erano libere come in Europa e anche di più. Potevano votare, potevano studiare ed erano libere dall’obbligo del velo. Con l’ascesa del Regime, da un giorno all’altro, tutto questo è caduto. L’appello che, oggi, facciamo a tutti i cittadini, non è di mostrarsi solidali con il popolo ma, piuttosto, di ricordare ogni giorno che i diritti vanno tutelati e preservati. È importante che tutte le donne, soprattutto le più giovani – quelle che non hanno mai avuto bisogno di lottare per le loro certezze – siano consapevoli dell’importanza di quanto abbiamo oggi”, conclude.

Flashmob per le donne iraniane: "Noi siamo dalla parte delle libertà" (Foto di Manuel Merolla)

Rispettare la donna è un principio che deve essere diffuso anche in Italia 

Rispettare la donna è un principio che non deve essere diffuso solo in Iran, ma in tutto il mondo; anche in Italia: “Avellino è sicuramente sensibile al problema dei diritti negati alle donne iraniane”, afferma la Dott.ssa Eleonora Ciccone, attivista per i diritti delle donne. “Io, da vecchia irpina, ho notato una regressione in questo senso e, quindi, non mi è parso vero questo flashmob. Sono contenta di stare qui, in questo momento. Alla fine, a pagare le scelte scellerate dei maschi, è sempre la femmina. Un problema come questo non accade soltanto in Iran, ma anche in Italia. Non dimentichiamo che, ancora oggi, ci sono donne che, per uscire a fare la spesa, devono chiedere il permesso al marito. Noi dobbiamo conquistare le nostre libertà economiche per poter affermare i nostri diritti e anche per essere libere di amare. Questa è una consapevolezza che, tutte noi, dovremmo trasmettere alle nostre figlie”.

Si parla di

Video popolari

Flashmob per le donne iraniane: "Noi siamo dalla parte delle libertà"

AvellinoToday è in caricamento