rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diabolik, al Museo Irpino 60 anni di un’icona nerissima, Palumbo: "Un personaggio attuale che ha sconfitto il tempo"

COMICON, Provincia di Avellino e Museo Irpino, in collaborazione con Astorina, celebrano i 60 anni di uno dei personaggi più importanti del mondo del Fumetto Italiano, Diabolik, icona chiave dell’immaginario pop nel nostro paese

COMICON, Provincia di Avellino e Museo Irpino, in collaborazione con Astorina, celebrano i 60 anni di uno dei personaggi più importanti del mondo del Fumetto Italiano, Diabolik, icona chiave dell’immaginario pop nel nostro paese. Il celebre ladro mascherato nasce nell’autunno del 1962, un anno dopo la creazione della casa editrice Astorina fondata da Angela Giussani. La prima sceneggiatura, scritta dalla stessa Angela, fu affidata per i disegni a Zarcone: era il 1° novembre 1962 e il suo memorabile titolo fu “Il re del terrore”. 

Diabolik firmato Palumbo, 60 anni di un’icona nerissima

Alla presentazione presente l'artista "diaboliko" Giuseppe Palumbo

Al centro di questa mostra omaggio, che si terrà al Museo Irpino a partire dal 3 dicembre 2022, c’è uno speciale artista “diaboliko”, affermatosi come uno dei più grandi e caratteristici interpreti dello stile grafico della serie, ovvero Giuseppe Palumbo. 

"Questo è il segno indiscutibile della modernità della casa editrice e di un personaggio che, dopo sessant'anni, riesce ancora a intercettare l'immaginario collettivo italiano. Diabolik ha sconfitto il tempo e, certamente, non servono ulteriori conferme. Diabolik, ormai, è parte del costume, non soltanto della cultura italiana. I film realizzati dai Manetti Bros ne sono la prova. A novembre prossimo uscirà anche il terzo film. Le trasposizioni cinematografiche sono un interessante esempio di ibridazione tra il linguaggio cinematografico e quello del fumetto. Il mio invito è di sedersi in sala e guardare il film con lo stesso sguardo con cui si sfogliano le pagine", conclude.

Le opere del maestro Palumbo saranno messe a fuoco attraverso i tanti albi di Diabolik ed Eva Kant cui ha prestato il suo segno, a partire proprio dalla sua rivisitazione contemporanea dell’ormai leggendario Primo Albo, oltre che di numerosi altri episodi, sia classici che inediti, della serie in edicola ancora oggi. 

Palumbo è inoltre la firma visiva che ha dato vita alla serie “alternativa” DK, ideata da Mario Gomboli nel 2015; e sempre Palumbo è comparso in un cameo nel film Diabolik del 2021 diretto dai Manetti Bros, con Miriam Leone nella parte di Eva Kant, tra i migliori incassi di film italiani nel 2021 e seguito da un secondo capitolo: Diabolik - Ginko all'attacco!, nelle sale dal 17 novembre 2022. 

Il percorso espositivo sarà costituito da tre grandi sezioni con circa 60 tavole originali e altrettante riproduzioni digitali, diversi contenuti multimediali e scenografici, molti testi esplicativi della storia di Diabolik di alcuni tra i migliori critici di fumetto italiani e saranno presenti, per la contiguità temporale con l’uscita del film, anche diversi materiali di scena dei film di Diabolik by Manetti Bros.

  

Si parla di

Video popolari

AvellinoToday è in caricamento