Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus a Lauro, il sindaco Bossone: "Ecco le misure post zona rossa"

Il primo cittadino annuncia in un video le azioni intraprese dall'amministrazione

 

Primo giorno di riapertura dopo l'ordinanza regionale che ha tolto lo status di zona rossa al Comune di Lauro. Il sindaco Antonio Bossone annuncia, in un videomessaggio, quali saranno le misure anti Covid-19 che l'amministrazione adotterà nei prossimi giorni.

Bossone: "La comunità sta rispondendo bene, ecco le azioni che intraprenderemo"

Il primo cittadino si dichiara soddisfatto dopo il primo giorno di riapertura: "La comunità risponde bene, chiaramente è il primo giorno di adattamento. Ora, viene ripristinata l'ordinanza da me elaborata prima della zona rossa e, nello stesso momento, tutte le misure che ci hanno consentito di ridurre il rischio si protrarranno fino al 4 maggio". 

Quali sono, nello specifico, le azioni che il Comune di Lauro intraprenderà nel breve termine? "Innanzitutto, chiederemo uno screening di massa per i nostri abitanti attraverso la somministrazione di test rapidi. Inoltre abbiamo attivato con il consigliere regionale Francesco Todisco, attraverso l'Agenzia Aerospaziale, di avere un campo qui a Lauro, che possa svolgere tutte le attività in campo medico". 

Sulla fase 2: "Lauro, da paese che ha subito il Covid, ora lotta contro il Covid: abbiamo presentato un progetto alla Regione per far sì che i pazienti affetti da coronavirus possano avere ospitalità all'interno dell'albergo 'La Certosa'. Allo stesso tempo, avvieremo la ristrutturazione immediata del centro di Protezione Civile che giace in stato di totale abbandono, nell'area Pip del nostro Comune, e verrà predisposto per accogliere i pazienti affetti da Covid e anche da altre patologie in futuro, qualora ce ne fosse la necessità".

Importante, infine, il rilancio del settore economico: "Chiediamo fondi per ripartire come zona speciale franca che è stata particolarmente colpita dal coronavirus. Chiediamo sgravi per le imprese, anche all'amministrazione provinciale di Avellino, soprattutto per quanto riguarda la tassa sui rifiuti e forti investimenti sull'agricoltura".   

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento