Universiadi 2019 si faranno in Campania, Sibilia: "Una notizia che ci rallegra"

Il CONI Campania, con le sue Federazioni Sportive, con le sue competenze e le sue professionalità, sarà sicuramente in grado di offrire un importante contributo organizzativo

Entusiasta Cosimo Sibilia, presidente regionale del CONI della Campania, dopo la notizia dell’assegnazione delle Universiadi 2019 a Napoli, arrivata poco fa da Bruxelles: “È un evento mondiale che, anche se avrà il suo centro a Napoli, coinvolgerà tutte le altre province della Campania, Salerno e Caserta in modo particolare. Sarà quindi un’opportunità di crescita sportiva e sociale di tutta la Regione. Il CONI Campania, con le sue Federazioni Sportive, con le sue competenze e le sue professionalità, sarà sicuramente in grado di offrire un importante contributo organizzativo”. Queste, invece, le prime parole a caldo di un emozionatissimo Sergio Roncelli, delegato CONI di Napoli che per tre giorni ha guidato nelle scorse settimane, con i vertici del CUSI, della Regione Campania, del Comune di Napoli e delle Federazioni Sportive Nazionali e Regionali, la delegazione internazionale degli ispettori FISU (Federazione Internazionale Sport Universitari) che hanno visitato Napoli per valutare la validità della candidatura: “Napoli torna ad essere al centro dello sport internazionale e a recuperare il ruolo che le compete. Questa è un’occasione eccezionale per il rilancio sportivo, sociale, culturale ed urbanistico della città di Napoli. Dopo le Olimpiadi della vela nel 1960 e i Giochi del Mediterraneo del 1963, le Universiadi 2019 sarebbero un altro grande evento di livello mondiale - continua Roncelli -. Come nelle precedenti occasioni, sicuramente sorgeranno quegli impianti sportivi che porteranno la città di Napoli allo stesso livello delle altre metropoli italiane. Agli inizi degli anni ‘60 e in occasione dei Giochi del Mediterraneo furono costruiti la piscina Scandone, lo stadio S. Paolo, il Mario Argento, lo stadio del remo al lago Patria e furono rimessi a nuovo il Collana e lo stadio Albricci. Questa volta il cuore della manifestazione sarà l’area ex NATO”. Secondo le previsioni, a Napoli si riverseranno più di 15mila persone solo tra atleti, organizzatori e addetti ai lavori. Saranno oltre 9mila, in particolare, gli studenti-atleti provenienti da più di 170 Paesi, che si cimenteranno in 14 discipline: atletica, basket, scherma, calcio, ginnastica artistica, ginnastica ritmica, judo, nuoto, immersioni, pallanuoto, tennis da tavolo, taekwondo, tennis e pallavolo. Si tratta di una mini-Olimpiade, che sarà seguita dalle televisioni di oltre 100 nazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pericolosità ibuprofene e utilità vitamina C, la Farmacia Capozzi fa chiarezza

  • Coronavirus in Irpinia: ecco la mappa aggiornata, Comune per Comune, al 26 marzo 2020

  • La 3DRap di Mercogliano trasformerà maschere da sub in ventilatori

  • Coronavirus, l'aggiornamento della Protezione Civile: "Sono 62.013 i positivi, in Campania 1.169"

  • Ad Avellino il lievito sospeso, in regalo a chi ne ha bisogno

  • Coronavirus, chiudono i benzinai: "Siamo in ginocchio"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento