menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sacripanti: “Caserta squadra di talento e con un’identità precisa”

Coach Sacripanti è ben consapevole del reale valore dei suoi avversari ma soprattuto di quanto sia determinate il fattore campo

La Sidigas Avellino torna in campo il primo dell’anno per affrontare una delle sue attuali dirette rivali in

campionato: la Pasta Reggia Caserta. Coach Sacripanti è ben consapevole del reale valore dei suoi

avversari ma soprattuto di quanto sia determinate il fattore campo: “E’un derby importante contro

una squadra che sta facendo benissimo, anche se nell’ultimo periodo ha accumulato tre sconfitte

consecutive è andata al di sopra delle aspettative, a mio avviso, però, non al di sopra di quello che è il

suo reale talento. Ha degli ottimi giocatori, nello specifico Sosa e Cinciarini sono dotati di grande

esperienza riuscendo a tenere un certo tipo di equilibrio e forza mentale sul campo, è un team che

possiede un’identità precisa ruotando otto giocatori. Il contropiede primario è la loro forza. Quando

giocano in casa il fattore campo è determinate, al Palamaggiò si sentono a loro agio e il pubblico li

sostiene fortemente.”

Dopo la vittoria con Capo d’Orlando la Sidigas è tornata ad allenarsi per preparare al meglio il derby di

iniziò anno. Il coach irpino continua il suo lavoro su uno dei principali punti di forza di questa squadra,

la difesa: “Ieri abbiamo avuto un piccolo problema per Randolph ma nulla di particolare, abbiamo

recuperato Fesenko e Cusin. Stiamo cercando di continuare a lavorare sulla difesa, nostro principale

punto di forza come dimostrano le statistiche. Dovremo essere bravi a gestire il ritmo della gara

mettendo pressione sulla palla e difendendo con aggressività sui loro pick and roll. Da parte del

pubblico le aspettative sono molto alte perché si tratta di un derby ma è altrettanto importante

vincerla per conquistare i due punti. Per quanto mi riguarda tutte le partite sono importanti allo stesso

modo, quando si gioca due volte a settimana bisogna bilanciare al meglio le energie nervose. Caserta è

senza dubbio un match molto sentito, ma dopo tre giorni ne abbiamo un altro di coppa altrettanto

importante.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento