menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lutto nel mondo del calcio, è morto Diego Armando Maradona: "Il mio derby è contro l'Avellino"

Il Pibe de Oro, leggenda del calcio della seconda metà del secolo scorso e riconosciuto come uno dei calciatori più forti di tutti i tempi, si è spento a causa di un arresto cardiorespiratorio: aveva 60 anni

Lutto nel mondo del calcio: è morto Diego Armando Maradona. Il Pibe de Oro, leggenda del calcio di un'intera generazione e riconosciuto tuttora come uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi, si è spento a causa di un arresto cardiorespiratorio: aveva 60 anni.

La gloria al Napoli e i derby contro l'Avellino

Nato a Lanus (Argentina) il 30 ottobre 1960, Maradona muove i primi passi nell'Argentinos Juniors, già all'età di 10 anni. Sei anni più tardi, debutta in prima squadra, con la quale riesce a guadagnarsi ben presto la maglia della Nazionale e a siglare 116 gol in 166 partite. La consacrazione in patria si ha nella stagione 1981-82, con il Boca Juniors: le 28 reti realizzate in 40 incontri gli valgono la prima chiamata in Europa, dove viene acquistato dal Barcellona.

In Catalogna, tuttavia, non nasce l'idillio e Maradona, nell'estate del 1984, compie la scelta della sua vita: accetta l'offerta del Napoli, squadra in cui militerà dal 1984 al 1991 e che riuscirà a portare alla conquista di due scudetti e alla vittoria di una Coppa Uefa. In questo periodo, il fuoriclasse argentino sarà conosciuto come La mano de Dios, in virtù del celebre gol realizzato ai Mondiali del 1986 in Messico contro l'Inghilterra. La rassegna internazionale verrà vinta proprio dall'Argentina, nella finale contro la Germania Ovest (3-2), match in cui Maradona si rivelerà decisivo con l'assist servito a Jorge Burruchaga per la rete della definitiva vittoria.

Memorabili, per i tifosi biancoverdi dell'Avellino, i derby disputati contro il Napoli di Diego Armando Maradona, sia allo stadio "San Paolo" che al "Partenio-Lombardi". In una trasmissione argentina di qualche anno fa, il campione della selezione Albiceleste ricordò con affetto quello che, negli anni Ottanta, era noto come il derby campano della Serie A"Il mio derby era contro l'Avellino" affermò Maradona, rievocando le sfide con il connazionale Ramon Angel Diaz - all'epoca bomber della compagine irpina -  dinanzi a un'altra leggenda del calcio, Gabriel Omar Batistuta.

Maradona, che neanche un mese fa aveva compiuto 60 anni, si era sentito male proprio nel giorno del suo compleanno ed era stato sottoposto a un'operazione al cervello lo scorso 13 novembre. Una gravissima perdita per il calcio e per lo sport internazionale, che piange uno dei più grandi e iconici campioni di sempre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania, prorogata la data per il pagamento del bollo auto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento