Sabato, 20 Luglio 2024
Calcio

Playoff Serie C Avellino-Foggia, Gautieri: "Deve essere la partita di tutti, in casa nostra dobbiamo comandare noi"

Le parole del tecnico biancoverde in vista del match di mercoledì sera: "Abbiamo la possibilità di rivincita, dobbiamo fare una partita gagliarda e cattiva"

Ecco le dichiarazioni di mister Carmine Gautieri in vista del match Avellino-Foggia, valevole per il secondo turno della fase del girone C dei playoff di Serie C, in programma mercoledì sera allo stadio "Partenio-Lombardi" alle ore 20:30.

"A Foggia non abbiamo fatto una buona prestazione, dobbiamo essere intensi e avere mentalità"

Si riparte dalla sfida contro i Satanelli, dopo l'ultima partita in regular season persa proprio allo 'Zaccheria' (2-0) dove: "Non abbiamo fatto una buona prestazione, sotto tutti gli aspetti. Abbiamo la possibilità di rivincita, dobbiamo far capire subito che in casa nostra dobbiamo comandare noi e fare una partita gagliarda e cattiva. Tecnicamente dobbiamo essere perfetti e fare la partita perfetta. Siamo ancora arrabbiati per quanto successo otto giorni fa, deve essere una rivincita importante".

Sulla partita di mercoledì: "Dobbiamo essere intensi e avere mentalità, in una partita fatta di rabbia, contrasti, duelli, seconde palle. Per quanto riguarda il discorso tecnico-tattico, l'abbiamo preparata anche sotto questo piano qui: il primo contrasto deve essere nostro, la prima palla 'mezza e mezza' deve essere nostra. Questo dipende solo da noi, non dagli avversari. Se ci mettiamo cattiveria, sono sicuro che la portiamo a casa. Ormai, abbiamo archiviato la sfida di otto giorni fa e abbiamo la rivincita. Dobbiamo andare assolutamente avanti, abbiamo un sogno da realizzare e una grande fortuna nel giocare una partita di questo tipo".

"Partite troppo importante per noi, faremo una grandissima partita"

Com'è andata la preparazione della sfida? "Sicuramente, abbiamo lavorato sugli errori, un'intera settimana, per capire cosa abbiamo sbagliato. Per quanto mi riguarda, è una partita completamente diversa da quella di domenica. Mercoledì non dobbiamo fare la partita che abbiamo fatto a Foggia, e parlo sotto il discorso della rabbia, della voglia di fare risultato. Non possiamo stare lì a difenderci, bisogna preparare le partite sempre per vincerle. A volte si riesce in quest'intento, a volte no. Ma bisogna essere innanzitutto cattivi su ogni palla, su ogni contrasto, questo ti porta anche a vincere le partite. In occasioni simili, conta il fatto di vincere in ogni situazione di campo".

L'approccio mentale alla gara sarà decisivo: "E' una partita troppo importante per noi, non possiamo pensare di non fare la partita giusta e perfetta. Tutti i ragazzi si sono messi in discussione, così come mi sono messo in discussione anch'io. Hanno sempre spinto e dato il massimo, poi è ovvio: c'è la domenica che, se non giochi, non fai risultato. Ma abbiamo uomini veri e in queste partite possono dimostrarlo. Nessuno ha mai tirato indietro la gamba. Il primo responsabile della sconfitta di Foggia sono io, sta a me proteggere questi ragazzi. Questa non è una squadra che ha paura delle partite, è una squadra che, secondo me, deve dare di più e non c'è partita migliore di quella contro il Foggia. Questo è un gruppo importante, sa che può fare un grande playoff in una piazza come Avellino. Sono sicuro che, dal punto di vista della rabbia e della determinazione, faremo una grandissima partita".

"Abbiamo quasi tutti a disposizione, solo Tito in questo momento è fuori. I tifosi ci hanno sempre aiutato"

"In una piazza come Avellino, dove si pretende sempre di più, ho la fortuna di partecipare ai playoff e non è una cosa da poco" conclude Gautieri. "Ci tengo a fare bene e a lasciare un ottimo ricordo, indipendentemente da come andrà. Ho avuto la fortuna di vincere un campionato a Lanciano, ma non è la stessa cosa, se dovessi vincerlo anche qui. C'è voglia di fare bene e questo è molto importante. Abbiamo quasi tutti a disposizione, tranne qualcuno che decideremo domani se convocarlo oppure no. In questo momento c'è Tito fuori. Ma tutti verranno in ritiro, l'uno deve trascinare l'altro. Deve essere la partita di tutti. Il pubblico ci è sempre stato vicino, non l'abbiamo mai trovato qui fuori a contestarci. E' normale che siano delusi. Dobbiamo essere noi a trascinarli. La loro vicinanza l'abbiamo sempre avuta, come anche quella di Nando e Raffaele che qui hanno giocato e mi danno una forza incredibile. Sono persone che mi hanno aiutato sempre, mi hanno dato consigli, mi hanno parlato della storia e vedere anche la loro presenza è una marcia in più per fare qualcosa di importante".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Playoff Serie C Avellino-Foggia, Gautieri: "Deve essere la partita di tutti, in casa nostra dobbiamo comandare noi"
AvellinoToday è in caricamento