rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Calcio

Avellino-Turris, Gautieri: "Sarà una partita di duelli e contrasti, in campo per il risultato pieno"

Le parole del tecnico biancoverde in vista del posticipo di lunedì sera: "Abbiamo recuperato qualche giocatore, dobbiamo ancora capire come stanno Di Gaudio e Kragl. Oggi faremo le dovute valutazioni. Settimana prossima penseremo al Bari, adesso testa alla Turris"

Ecco le dichiarazioni di mister Carmine Gautieri, in vista del match Avellino-Turris, valevole per la trentacinquesima giornata del campionato di Serie C, girone C, in programma lunedì sera allo stadio "Partenio-Lombardi" alle ore 21.

"Abbiamo lavorato bene: dobbiamo arrivare al risultato con ordine, atteggiamento e battagliando"

Sembra finalmente tornare il sereno nel gruppo squadra biancoverde: "In questa settimana, abbiamo lavorato molto sotto tanti aspetti. Abbiamo recuperato qualche giocatore, dobbiamo ancora capire come stanno Di Gaudio e Kragl. Oggi faremo le dovute valutazioni. Abbiamo lavorato bene, soprattutto su alcuni principi. Andremo ad affrontare una squadra che gioca bene a calcio. Sarà una partita di duelli e di contrasti, dobbiamo entrare in campo per il risultato pieno ed essere cattivi su ogni palla, sbagliando il meno possibile".

Sul match di lunedì sera contro i corallini: "Sappiamo che è un derby, anche sentito. Ma, al di là di questo discorso, dobbiamo cercare di fare il massimo in queste partite, anche nel discorso punti. Ma noi non andiamo a vedere le prossime partite, guardiamo alla partita di lunedì, dove dobbiamo arrivare a fare risultato con ordine, atteggiamento e battagliando. Settimana prossima penseremo al Bari, adesso testa alla Turris. La squadra ha lavorato bene e sa che può arrivare fino in fondo".

Sulla preparazione della gara: "E' normale che abbiamo avuto una settimana a disposizione per lavorare e abbiamo toccato in una settimana vari punti, cosa che non avevamo potuto fare perché giocavamo ogni tre giorni. Abbiamo affrontato l'aspetto fisico, il temperamento, e abbiamo anche lavorato. E' normale che una settimana piena ti permette di lavorare su tante situazioni".

"Le partite vanno chiuse, non è un problema di atteggiamento. Se pensiamo che la Turris sia in difficoltà, siamo sulla strada sbagliata"

Sull'atteggiamento della squadra: "L'ha sempre avuto. Sono d'accordo sul discorso del compitino: le partite vanno chiuse, non bisogna mai accontentarsi e questa squadra, in alcune situazioni, si accontenta. Poi bisogna sempre capire cosa puoi ottenere nell'arco dei 95 minuti: se vedo la squadra che è scesa in campo a Picerno in 25 minuti ha lottato, ha difeso bene il risultato e, forse, nessuno ha visto l'esultanza sul gol. E' segno che i ragazzi ci tengono alla squadra e al lavoro che fanno. Pur non facendo una partita importante, abbiamo creato 3-4 palle gol giuste. Sono d'accordo sul fatto che le partite vanno chiuse, altrimenti accade quello che è successo contro il Messina. Ma non è un problema di atteggiamento".

La Turris ha ancora sei defezioni, dovute al coronavirus: "Se pensiamo che vengono dal periodo Covid e sono in difficoltà, siamo sulla strada sbagliata. Noi dobbiamo pensare a un avversario che gioca bene a calcio e si basa sull'impatto fisico. Non dobbiamo sbagliare l'atteggiamento e la cattiveria su ogni palla".

Le ultime su Carriero, Murano e Di Gaudio, il ballottaggio in difesa e il caso Catania: "Ai playoff attenzione al Foggia"

Su Giuseppe Carriero: "Per noi è un giocatore importante, che può fare e deve fare la differenza. La settimana scorsa l'ho visto un po' in difficoltà, nel senso che ha sempre spinto: lo abbiamo messo a riposo e abbiamo ancora un paio di allenamenti per vedere chi sta bene. Bisogna lavorare al massimo".

Su Jacopo Murano: "Sappiamo che è un giocatore importante. Viene da un periodo particolare, condizionato dal Covid, e probabilmente lo soffre anche un po'. Ma mi è piaciuto a Picerno, ha lavorato molto soprattutto sulla fase di non possesso e ha rischiato anche di fare gol. E' un ragazzo che vuole mettersi in discussione".

Su Antonio Di Gaudio: "Abbiamo lavorato su due sistemi di gioco, tra cui anche il 4-3-3. Devo cercare di mettere tutti nelle condizioni giuste per esprimersi al massimo. Devo fare in modo che, sia al calcio d'inizio, sia a partita in corso, possiamo metterci diversamente. Aspetto Riccardo Maniero, aspetto il miglior Murano per adottare un sistema di gioco anche diverso. I ragazzi devono sapere quello che vanno a fare".

Si profila un ballottaggio in difesa: "A Picerno Dossena ha fatto una grande gara, così come anche Bove e gli altri ragazzi quando siamo calati fisicamente. Abbiamo dei giorni per fare delle valutazioni e cercheremo di mettere chi sta meglio in quel contesto". 

Sul caso Catania: "Non ci penso, mi sto concentrando solo su noi stessi. Fino a quando non ci sarà una sentenza, è difficile pensare a qualcosa di diverso. Personalmente, la squadra che temo di più in ottica playoff è il Foggia: ha dei dati favolosi, sotto l'aspetto fisico, dei risultati e dell'intensità. Sappiamo come lavora mister Zeman, con dei giovani di grande prospettiva. Chiunque andrà ai playoff dovrà temere il Foggia, ha una condizione fisica spaventosa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avellino-Turris, Gautieri: "Sarà una partita di duelli e contrasti, in campo per il risultato pieno"

AvellinoToday è in caricamento