Giovedì, 18 Luglio 2024
Calcio

L'Avellino verso Foggia tra secondo e quarto posto: tutte le possibili combinazioni in vista dei playoff

A novanta minuti dal termine della regular season, è tempo di calcoli per capire quale sarà la posizione occupata dai biancoverdi nella griglia playoff. Attenzione anche al discorso relativo alla terza o quarta "squadra meglio classificata"

Mancano novanta minuti per stabilire la classifica definitiva del girone C della Serie C. L'Avellino sarà atteso alla difficile trasferta dello "Zaccheria", ospite del Foggia nel match di domenica (ore 17:30) che chiuderà la regular season, proiettando le compagini classificate dal secondo al decimo posto ai playoff di terza serie.

Il punto della situazione a 90' dal termine della stagione regolare

A una giornata dalla conclusione della stagione regolare, con il Bari, ormai, saldamente al comando e sicuro della promozione in Serie B, l'Avellino occupa la terza posizione nel girone C, a quota 64 punti, a pari merito con il Catanzaro, che, tuttavia, precede i biancoverdi, in virtù dello scontro diretto in favore dei calabresi (0-0 all'andata al "Partenio-Lombardi", 2-0 al ritorno al "Ceravolo" per le Aquile).

I Lupi dovranno, inoltre, guardarsi le spalle dal Palermo: la compagine rosanero è, infatti, situata in quarta piazza, a quota 63 punti, e punta a ottenere la miglior posizione possibile, dopo aver sostenuto il turno di riposo nell'ultima giornata disputatasi, in ragione dell'estromissione del Catania dalla Serie C. 

Sarà, dunque, bagarre a tre, con la compagine irpina impegnata, come detto pocanzi, in terra dauna. Trasferte anche per Catanzaro e Palermo: i calabresi saranno ospiti della Vibonese, appena retrocessa in Serie D dopo il colpo di grazia infertole proprio dall'Avellino nel match di Sabato Santo (3-1); i siciliani, invece, faranno visita alla capolista Bari che, di fronte al proprio pubblico, si prepara a chiudere nel migliore dei modi un'avvincente stagione e a tenersi in forma in vista del prossimo impegno in Supercoppa di Serie C.

Secondo, terzo o quarto posto per l'Avellino? Tutte le possibili combinazioni

Nella situazione appena descritta, gli uomini di mister Carmine Gautieri non possono permettersi passi falsi. La trasferta di Foggia sarà un ulteriore banco di prova per una squadra che, finora, non è mai riuscita a compiere il tanto atteso salto di qualità, steccando, il più delle volte, nelle occasioni decisive.

I biancoverdi saranno chiamati, pertanto, a vincere per assicurarsi quantomeno la terza piazza. Per contro, un pareggio o una sconfitta contro la compagine allenata dal maestro boemo Zdenek Zeman esporrebbe l'Avellino al rischio di essere scavalcata dal Palermo (in caso di colpo esterno a Bari), finendo la sua stagione regolare al quarto posto.

Ma vediamo, nel dettaglio, tutte le possibili combinazioni:

1) L'Avellino arriverà al secondo posto se:

  • batte il Foggia e il Catanzaro non vince contro la Vibonese;
  • pareggia contro il Foggia, il Catanzaro perde contro la Vibonese e il Palermo non vince contro il Bari.

2) L'Avellino concluderà la stagione al terzo posto se:

  • batte il Foggia ma, al tempo stesso, vince anche il Catanzaro a Vibo Valentia;
  • pareggia contro il Foggia e, contemporaneamente, il Catanzaro ottiene almeno un pareggio contro la Vibonese. Affinché tale condizione si verifichi, tuttavia, il Palermo non deve vincere a Bari;
  • perde contro il Foggia e anche il Palermo viene sconfitto a Bari.

3) L'Avellino terminerà al quarto posto la sua regular season se:

  • pareggia a Foggia, il Catanzaro ottiene almeno un pari contro la Vibonese e il Palermo vince a Bari;
  • perde a Foggia e il Palermo consegue almeno un pareggio a Bari. In caso, infatti, di arrivo a pari punti tra biancoverdi e rosanero, a quota 64, sarebbero favoriti i secondi, in virtù degli scontri diretti: 1-1 all'andata al "Barbera", 1-2 al ritorno al "Partenio-Lombardi".

E se si arriva terzi o quarti? Si può essere "squadra meglio classificata"

Anche un eventuale exploit in quel di Foggia potrebbe, dunque, non bastare ad Aloi e compagni per assicurarsi la seconda posizione del girone: piazzamento molto ambito da Avellino, Catanzaro e Palermo, in quanto consentirebbe alla squadra che lo occupa la possibilità di partire dal secondo turno (quarti di finale) della fase nazionale dei playoff, evitando, così, i primi tre turni del capitolo post season (i due turni della fase del girone, più il primo turno della fase nazionale).

Inoltre, al di là di quel che sarà il risultato che maturerà allo "Zaccheria", i biancoverdi monitorano anche la possibilità di configurarsi quale terza o quarta "squadra meglio classificata" della Serie C. Ma, esattamente, cosa si intende per "squadra meglio classificata"? Anche sotto quest'aspetto, la Lega Pro ha stabilito vari criteri, raggruppandoli sulla base di un ordine ben preciso:

Ai fini della determinazione, nelle fasi dei Play Off Nazionale, della “squadra meglio classificata” si dovranno applicare i seguenti criteri:

a) miglior piazzamento in classifica nel proprio girone al termine della regular season;

b) maggior numero di punti acquisiti in classifica nel proprio girone al termine della regular season;

c) maggior numero di vittorie conquistate nel proprio girone al termine della regular season;

d) maggior numero di reti segnate nel proprio girone al termine della regular season;

e) sorteggio tra le squadre se permarrà la situazione di parità.

Miglior terza classificata della Serie C? Il coefficiente moltiplicatore

L'esclusione del Catania dal girone C della Serie C ha fatto sorgere, tuttavia, un problema: l'organico di tale girone è sceso, infatti, a 19 squadre, a fronte delle 20 che compongono ciascuno dei gironi A e B. Pertanto, il numero di partite complessive disputate da ciascuna compagine del girone meridionale risulterà essere pari a 36, contro le 38 delle formazioni degli altri due gironi.

Per ovviare a questo inconveniente, la Lega Pro ha concesso la deroga dei criteri della "squadra meglio classificata" adottati già nella stagione passata, allorquando a essere estromesso dal girone C fu il Trapani.

L'elemento principale di questo documento è rappresentato dall'introduzione di un coefficiente moltiplicatore "per garantire omogeneità nell’applicazione dei criteri indicati" e che verrà applicato soltanto alle squadre del girone meridionale: tale coefficiente, pari a 1,05555556, è infatti: "ottenuto dal rapporto tra il numero totale delle gare di regular season giocate nei gironi “A” e “B” (38) ed il numero totale di quelle giocate nel girone 'C' (36)".

Miglior terza o quarta classificata della Serie C? Tutte le possibili combinazioni

Sulla base di quanto detto finora, andiamo ad analizzare il quadro della situazione. In caso di arrivo al terzo posto, l'Avellino si ritroverebbe a competere con Feralpisalò (girone A) e Cesena (girone B) per la condizione di terza migliore classificata che consentirà, alla squadra che ne sarà detentrice, di essere "testa di serie" sia al primo che all'eventuale secondo turno (quarti di finale) della fase nazionale dei playoff. 

Applicando il coefficiente moltiplicatore alla compagine irpina e mettendola a confronto con le altre terze classificate, la situazione, a una giornata dal termine, è la seguente:

Feralpisalò: 68 punti;
Cesena: 66 punti;
Avellino: 67,5555558 punti.

Allo stato attuale, dunque, la Feralpisalò risulta essere la miglior terza classificata della Serie C. Le cose, ovviamente, potrebbero cambiare qualora l'Avellino riesca a fare bottino pieno a Foggia e, al contempo, i verdeazzurri vengano fermati all'ultima giornata dal Renate quarto in classifica. Da notare che i brianzoli sono già sicuri non solo della qualificazione al primo turno della fase nazionale, ma anche di essere "testa di serie", in virtù del fatto che tale titolo viene assegnato, di diritto, alla quarta classificata del girone in cui militano sia la vincente della Coppa Italia di Serie C, ossia il Padova, sia la finalista perdente, vale a dire il Sudtirol.

E se, facendo tutti gli scongiuri del caso, le cose andassero male all'ultima giornata? In caso di arrivo al quarto posto e di successivo passaggio al primo turno della fase nazionale, l'Avellino potrà comunque fregiarsi del titolo di "testa di serie" al suddetto turno, in quanto quest'ultimo spetterebbe alle tre terze classificate di ciascun girone, al sopracitato Renate e a una quinta squadra, ossia quella che: "tra le 6 vincitrici dei Play-Off del Girone, risulterà meglio classificata ai sensi delle disposizioni di cui al paragrafo VI)". Da questo punto di vista, l'unica squadra in grado, teoricamente, di creare insidie ai biancoverdi è il Pescara che, nel girone B, occupa la quarta posizione, a quota 64 punti. Ma, anche in caso di vittoria degli abruzzesi e contemporanea sconfitta degli irpini, i Lupi precederebbero per mezzo punto i Delfini, grazie al già menzionato coefficiente moltiplicatore.

A prescindere da quanto detto finora, il vantaggio di essere "testa di serie" è notevole: consente, infatti, alla squadra che detiene tale status non solo di disputare il ritorno della doppia sfida in casa, ma anche il vantaggio di passare al turno successivo qualora, al termine dei 180 di minuti di gioco, il risultato complessivo e la differenza reti tra le due compagini siano in perfetta parità.

"Squadra meglio classificata" e testa di serie: il regolamento della Lega Pro

Si riporta, pertanto, quanto stabilito dal Regolamento Playoff e Playout della Lega Pro, al paragrafo IV:

Alla Fase Play-Off Nazionale partecipano 13 squadre che si confronteranno in un doppio turno.

A. PRIMO TURNO PLAY-OFF NAZIONALE Al Primo Turno Play-Off Nazionale partecipano 10 squadre, così determinate:

a) le 6 squadre che risultano vincenti degli incontri della fase Play-Off dei Gironi;

b) le 3 squadre terze classificate di ogni girone al termine della regular season;

c) la squadra vincitrice della Coppa Italia Serie C o la società subentrante in virtù delle previsioni di cui al paragrafo II).

Svolgimento Primo Turno della Fase Play-Off Nazionale

Il Primo Turno della Fase Play-Off Nazionale si articolerà attraverso 5 incontri in gare di andata e ritorno secondo accoppiamenti tra le 10 squadre qualificate: che prevedranno come “teste di serie” le 5 squadre di seguito indicate:

a) le 3 squadre classificate al terzo posto di ciascun girone nella regular season;

b) la squadra vincitrice della Coppa Italia Serie C, ovvero la squadra che ad essa subentra in virtù delle previsioni di cui al paragrafo II);

c) la squadra che, tra le 6 vincitrici dei Play-Off del Girone, risulterà meglio classificata ai sensi delle disposizioni di cui al paragrafo VI).

Le altre 5 squadre saranno accoppiate alle 5 “teste di serie” mediante sorteggio. Le squadre “teste di serie” disputeranno la gara di ritorno in casa.

Le squadre che al termine degli incontri di andata e ritorno avranno ottenuto il maggior punteggio avranno accesso al Secondo Turno della Fase Play-Off Nazionale.

In caso di parità di punteggio, dopo la gara di ritorno, avranno accesso al Secondo Turno della Fase Play-Off Nazionale le squadre che avranno conseguito una migliore differenza reti nelle due gare.

In caso di ulteriore parità al termine delle due gare – andata e ritorno – avrà accesso al Secondo Turno della Fase Play-Off Nazionale la squadra “testa di serie”, ai sensi delle disposizioni di cui al paragrafo VI).

B. SECONDO TURNO DELLA FASE PLAY-OFF NAZIONALE

Al Secondo Turno della Fase dei Play-Off Nazionale partecipano le 5 squadre risultate vincitrici delle gare del Primo Turno e le 3 squadre classificate al secondo posto di ciascun girone al termine della regular season.

Svolgimento Secondo Turno della Fase Play-Off Nazionale.

Le gare del Secondo Turno della Fase Play-Off Nazionale si articoleranno attraverso 4 incontri in gare di andata e ritorno, secondo accoppiamenti tra le 8 squadre qualificate che prevedranno, come “teste di serie”, le 4 squadre di seguito indicate:

a) le 3 squadre classificate al secondo posto di ciascun girone nella regular season;

b) la squadra che, tra le vincitrici del primo turno di Play-Off Nazionale, risulterà meglio classificata delle altre ai sensi delle disposizioni di cui al paragrafo VI).

Le altre 4 squadre saranno accoppiate alle 4 “teste di serie” mediante sorteggio. Le squadre “teste di serie” disputeranno la gara di ritorno in casa. Le squadre che al termine degli incontri di andata e ritorno avranno ottenuto il maggior punteggio avranno accesso alla Fase della Final Four.

In caso di parità di punteggio, dopo la gara di ritorno, avranno accesso alla Fase della Final Four le squadre che avranno conseguito una migliore differenza reti nelle due gare.

In caso di ulteriore parità al termine delle due gare – andata e ritorno – avrà accesso alla Fase della Final Four la squadra “testa di serie”, ai sensi delle disposizioni di cui al paragrafo VI).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Avellino verso Foggia tra secondo e quarto posto: tutte le possibili combinazioni in vista dei playoff
AvellinoToday è in caricamento