rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Calcio

Avellino-Campobasso, Braglia: "Voglio una squadra che corre e randella, prime 4-5 gare fondamentali"

Le dichiarazioni del tecnico biancoverde in vista del match di domenica sera allo stadio "Partenio-Lombardi"

Ecco le dichiarazioni di mister Piero Braglia in vista del match Avellino-Campobasso, valevole per la prima giornata del campionato di Serie C, girone C, stagione 2021-22, in programma allo stadio "Partenio-Lombardi" domenica 29 agosto 2021 alle ore 20:30.

"Se non si ha l'approccio giusto, rischi contro chiunque"

Il tecnico maremmano commenta le sensazioni a due giorni dall'esordio in campionato: "Affronteremo una partita nel modo giusto, perché l'inizio, in modo particolare le prime 4-5 gare, sono le più pericolose. La squadra si dovrà assestare, il campionato deve sempre iniziare con entusiasmo e voglia di fare: se non si ha quest'approccio, rischi contro chiunque. Il Campobasso, in occasione dell'amichevole precampionato, è sembrato molto più motivato di noi. Bisogna dimostrare sul campo di essere più forte dell'avversario. È chiaro che non si può essere al meglio, lo si potrà essere dopo 4-5 giornate, ma siamo davanti al nostro pubblico e dobbiamo fare una grande partita".

Voglia di riscattare la delusione della passata stagione ai playoff? "Di rabbia, ce ne dovrebbe essere poca. Poi ognuno può interpretare il calcio come vuole. Per come la vedo io, l'anno scorso siamo andati anche oltre le nostre possibilità. Nel turno decisivo, contro il Padova, siamo arrivati con sei squalificati. Adesso, è chiaro che dobbiamo inseguire il successo nella prima giornata. Pressioni non ne vedo, mi fa piacere rivedere la gente, l'anno scorso sembravano partite di allenamento. Per un giocatore che ha voglia di fare, la spinta del pubblico è un qualcosa in più".

Sull'ultima amichevole precampionato: "Contro il Sorrento abbiamo fatto 40 minuti di calcio buono: non abbiamo creato tante occasioni, ma abbiamo fatto un buon movimento. Non mi sono piaciuti gli ultimi 5 minuti, dove abbiamo concesso ai nostri avversari 2-3 occasioni. Durante la preparazione, abbiamo alternato una settimana con la linea difensiva a 3 e una settimana con la linea a 4: per chi pensa di cambiare modulo, è normale questa cosa. In qualità di metodista a centrocampo, abbiamo già Aloi per il quale stravedo". 

"Mercato? I giochi sono fatti, i campionati si vincono con l'unione"

Aspettative sulla prossima stagione, sull'attacco e su eventuali arrivi last minute dal mercato: "Come faccio a dire che vengo qua e vinco? Sarei un cretino. Dico che dobbiamo provarci, per i tifosi, per i giornalisti e per tutte le componenti. Dico che possiamo fare un campionato importante. Sul mercato, leggo anche quello che scrivete e ognuno ha la sua idea sul calcio. Però io vado a vedere e mi accorgo che Plescia ha fatto 11 gol l'anno scorso, non partendo sempre titolare; Maniero ha fatto 10 gol, con tutti i problemi che ha avuto. Gagliano lo dobbiamo vedere, Messina è giovane. Non voglio trequartisti, voglio gente che all'occorrenza possano sostituire Micovschi o Kanoute. La squadra ormai è attrezzata, i giochi sono fatti. Le amichevoli, poi, servono a mettere qualcosa nelle gambe, se no i ragazzi si allenano soltanto".

E poi, una piccola polemica: "I campionati si vincono con l'unione in un ambiente che, in questo momento, non c'è. C'è sempre qualcosa che non torna qui: io devo pensare alla squadra, ma quando leggo di una squadra di un nostro girone e dell'entusiasmo dei tifosi, qua sono tutti incazzati".

"Pedaliamo tutti nella stessa direzione, su Micovschi..."

Sull'atteggiamento giusto da intraprendere: "La squadra deve essere incazzata. Abbiamo aggiunto qualcosa in più rispetto all'anno passato. Se perdiamo la determinazione dell'anno scorso, facciamo fatica, perché i segnali non mi garbano. Io voglio una squadra che corre e randella, perché se non hai queste qualità, si va poco lontano. Mi auguro che i ragazzi, che sono persone intelligenti, capiscano che inizi il campionato, che siamo tutti sulla solita barca e che dobbiamo pedalare tutti nella stessa direzione. Mastalli è uno che parla poco e pedala in quella direzione, siamo molto contenti di lui".

Infine, sulla condizione di alcuni giocatori: "Micovschi verrà convocato e vediamo se sarà il caso farlo giocare qualche minuto. Per Scognamiglio, valutiamo oggi. Su De Francesco, è nel gruppo, se ha la possibilità gioca, perché è un professionista. Da qui alla fine del mercato non so cosa può succedere, può accadere tutto e il contratto di tutto nell'arco di due ore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avellino-Campobasso, Braglia: "Voglio una squadra che corre e randella, prime 4-5 gare fondamentali"

AvellinoToday è in caricamento