rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
social

"Día de Muertos", il nuovo libro fotografico di Filippo Cristallo

Il fotografo avellinese ha realizzato 72 scatti a Città del Messico e nei comuni di Toluca e Metepec per immortalare i festeggiamenti in onore dei defunti

Una combinazione di fotografia documentaria e ricerca formale che intende trasmettere l'eccezionalità e l'importanza della festa dei morti per il popolo messicano. Questo è il nuovo libro fotografico di Filippo Cristallo, "Dia de Muertos". Una selezione di 72 scatti realizzati a Città del Messico e nei comuni di Toluca e Metepec durante le celebrazioni del Giorno dei morti che testimoniano la complessità della festività, espressione di una visione diversa della morte e, al contempo, anche di una diversa concezione della vita rispetto a quella nordamericana ed europea.

"Dia de Muertos", il nuovo libro fotografico di Filippo Cristallo

Fotografie in bianco e nero che celebrano la festa dei morti messicana

Tutte le fotografie che compongono il libro, stampato su carta patinata, sono caraterizzate dal bianco e nero. Una scelta del fotografo avellinese, che gioca sugli effetti della luce e sui forti contrasti rendendo così più potenti ed evocative le immagini. Al tempo stesso, rafforza il loro carattere narrativo catturando l'essenza della tradizione.

Il testo introduttivo, a cura di Antonella Cappuccio, fornisce una descrizione minuziosa delle tradizioni messicane e dei significati del Dia de Muertos. In Messico, la commemorazione dei defunti è paradossalmente un’esplosione di vita che si manifesta come un’enorme parata carnevalesca durante la quale si beve, si canta e si offrono doni ai morti per ricongiungersi ad essi.

Biografia di Filippo Cristallo

Filippo Cristallo nasce e vive ad Avellino dove si sviluppa la sua passione per la fotografia che, successivamente, lo porta a dedicarsi prevalentemente al reportage perché affascinato dagli strumenti espressivi e dalle possibilità interpretative che il genere offre.

Nel 2013 prende parte alla collettiva “12x12” al teatro Gesualdo di Avellino con "Napoli e...". Nel 2015 espone al Circolo della Stampa di Avellino il reportage My Mexico. Da questo lavoro l’anno seguente nasce il libro "Dia de Muertos" dedicato alla Festa dei Morti messicana. Nel 2017 realizza con Antonella Cappuccio il progetto "Memorie di palazzo", presentato nell’ambito di Fotografia Europea a Reggio Emilia e al Museo Antropologico Visivo di Lacedonia. Nel 2018, "Memorie di palazzo" viene esposto al PAN (Palazzo delle arti di Napoli) in una versione ampliata. Nello stesso anno realizza il progetto “Senza Tempo”, esposto ad Avellino al Circolo della Stampa. La mostra è accompagnata dal libro omonimo edito da Edizioni Zerotre. Nel 2021 insieme ad Antonella Cappuccio pubblica il libro “Memorie di palazzo”.

A dicembre 2022 partecipa a Roma presso Casa Argentina alla collettiva “Latino America Inspira”. I suoi lavori sono stati pubblicati da Witness Journal, Clic.hè magazine, Positive Magazine, Discorsi Fotografici e ThetripMAG.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Día de Muertos", il nuovo libro fotografico di Filippo Cristallo

AvellinoToday è in caricamento