menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riapertura scuole, il piano per il rientro in classe dopo Pasqua anche in zona rossa

Il primo giorno tutti gli studenti, bambini di nidi e scuola dell’infanzia compresi, dovranno essere sottoposti a tampone rapido

Com’è noto, l’intenzione del governo, dopo Pasqua, è di riattivare la didattica in presenza anche in zona rossa. Per garantire la sicurezza, si parla di “tamponi rapidi fatti il primo giorno e ripetuti ogni settimana” grazie anche all’utilizzo di “test salivari”.

Tuttavia tamponare un’intera scuola prima dell’inizio delle lezioni (per tacere delle prevedibili difficoltà pratiche in caso di bimbi dei nidi, delle materne e dei primi anni delle elementari) sembra un’operazione alquanto difficile anche per le task force di esercito e Protezione civile cui il governo sembra intenzionato a volersi affidare. Quanto ai tamponi salivari (anche se esiste una ricerca confortante dell’Universitàà di Padova), non sono ancora autorizzati e, a detta degli addetti ai lavori, “hanno una sensibilità bassissima”.

Secondo Repubblica il governo lavora a una riapertura graduale della scuola dopo Pasqua seguendo le regole attualmente in vigore: lezioni in presenza in fascia rossa solo per materne, elementari e prima media e Dad al 50 per cento (ma possibile anche al 75) in zona arancione per seconda-terza media e superiori. Il commissario all'emergenza Figliuolo ha fatto sapere che il test rapido per tutti non è possibile da gestire. Il professor Andrea Crisanti spiega: "Non serve fare un tampone a tutti gli studenti italiani. Il nostro Paese passa con troppa facilità dal nulla al tutto per poi tornare al nulla. Serve, invece, un controllo periodico su base statistica. Nei diversi istituti, differenti per età degli alunni, per anno di costruzione, per il pendolarismo di studenti e insegnanti, si possono fare controlli a campione. Utilizzando i tamponi antigenici, quelli da farmacia. Non è importante capire quanti sono i positivi, ma dove sono. Il salivare resta un test molecolare, diciamo lento, non si presta a questo screening". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento