A settembre si entrerà a scuola anche senza vaccini

La commissione Affari costituzionali ha approvato due emendamenti al Milleproroghe di M5s e Lega che fanno slittare l'obbligo vaccinale all'anno scolastico 2019/2020

Per l'anno scolastico 2018/2019, che avrà inizio dopo l'estate, non sarà obbligatorio presentare la documentazione sull'avvenuta vaccinazione per iscrivere i bambini alle scuole dell'infanzia. Con l'approvazione di due emendamenti presentati dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega all'articolo 6 del Decreto Milleproroghe, viene di fatto cancellato con un colpo di spugna quando previsto dall'art. 3 della legge Lorenzin, che lo scorso anno aveva ripristinato l'obbligo del vaccino per i bambini da zero a dieci anni, come “requisito d'accesso” per l'iscrizione agli istituti scolastici. I due emendamenti approvati dalla commissione Affari costituzionali fanno così slittare l'obbligo vaccinale all'anno scolastico 2019/2020

M5s: “Tutti i bambini potranno accedere alle scuole dell'infanzia”

La notizia sullo slittamento dell'obbligo di vaccinazione è stata annunciata in una nota congiunta dai senatori del Movimento 5 Stelle, Paola Taverna e Pierpaolo Sileri: “L’emendamento approvato al Milleproroghe permetterà a tutti i bambini di accedere, a settembre, alle scuole dell’infanzia. Si tratta di una deroga messa a punto in attesa della presentazione del ddl sui vaccini che depositeremo a breve. A un mese e mezzo della ripresa dell’attività scolastica facciamo in modo che i bimbi vi possano accedere”.

Pd compatto: “Vittoria dei no vax”

“La maggioranza ha approvato in commissione Affari costituzionali la proroga all’anno scolastico 2019/2020 dell’obbligo vaccinale. Con questo atto M5S stelle e Lega dichiarano la vittoria dei no vax e soprattutto si assumono la responsabilità di diminuire l’immunità di gregge e ciò va a scapito dei più piccoli, dei bambini, dei più fragili, così come accaduto a Bergamo, dove due neonate sono morte di pertosse perché prive di protezione vaccinale”: così hanno commentato, attraverso una nota, i senatori del Partito Democratico, Simona Malpezzi e Dario Parrini, capogruppo in commissione Affari costituzionali.

Sulla stessa linea anche le parole dei deputati del Pd Elena Carnevali e Paolo Siani: “Con questo atto M5S e Lega dichiarano la vittoria dei no vax e soprattutto si assumono la responsabilità  di diminuire l'immunità di gregge e ciò va a scapito dei più piccoli, dei bambini, dei più fragili" hanno affermato in una nota i senatori Pd in commissione Affari costituzionali. Con il maldestro tentativo della maggioranza di prorogare l'entrata in vigore dell'obbligatorietà dei vaccini, Pd e M5s gettano la maschera rispetto al loro vero e unico obiettivo: aggirare il divieto”.

Il presidente dell'Iss: “Atto irresponsabile”

Dure critiche sono arrivare anche da Walter Ricciardi, il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità che su Twitter ha tuonato: “Un atto di grande irresponsabilità privo di razionale etico e scientifico che metterà a rischio la salute di migliaia di bambini, chi pagherà quando si realizzeranno le sue conseguenze?”

Appello Simg: "Vaccinate i bimbi nonostante la proroga"

Vaccinare i bambini prima possibile, nonostante la proroga per la presentazione del certificato vaccinale a scuola. È questo l'invito di Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg), dopo il rinvio all'anno scolastico 2019/2020 del divieto di accesso agli asili nido e alle scuole dell'infanzia per i bambini non vaccinati, inserito ieri nel decreto Milleproroghe.

"Prendiamo atto - dice Cricelli - della decisione di prorogare di un anno l'obbligo di presentazione del certificato vaccinale per l'ammissione dei bambini a scuola. Chiediamo ai cittadini, al di là di quanto previsto da questo provvedimento, di vaccinare i figli quanto prima, di registrare l'atto di vaccinazione e di iscriverli a scuola dopo averli sottoposti a queste fondamentali misure di prevenzione".

"Suggeriamo ai genitori - ribadisce - di non aspettare la scadenza dell'obbligo. La vaccinazione rappresenta una misura di tutela non solo dei figli ma dell'intera comunità". "I vaccini sono strumenti di prevenzione indispensabili e sicuri - continua Cricelli - e permettono di evitare gravi malattie, anche se talvolta i cittadini faticano a comprenderne l'utilità. La dimostrazione della loro efficacia fa parte delle evidenze scientifiche. I medici di famiglia si prendono cura della salute di tutti gli italiani ogni giorno e in ogni momento della loro vita, anche spiegando l'importanza delle vaccinazioni, che rappresentano risorse primarie della medicina e della sanità pubblica".

Leggi la notizia su Today 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Scuola, caos e rabbia ad Atripalda: 'volano stracci' tra la dirigente e le mamme

  • Sabato sera di sangue, incidente mortale sul raccordo Salerno-Avellino

  • Elezioni regionali, chi sono i quattro eletti in Irpinia

  • Incidente mortale sul Raccordo Avellino-Salerno: le immagini del drammatico sinistro

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento