Screening gratuiti all'Asl di Avellino: prevenire ti salva la vita

Parte la campagna 'Mi voglio bene'

Parte la Campagna informativa “Mi voglio bene” per la prevenzione del tumore al collo dell’utero, alla mammella, al colon-retto, promossa dalla Regione Campania insieme all’Asl di Avellino con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sulla prevenzione e offrire un’assistenza tempestiva, specializzata e gratuita alla popolazione maschile e femminile residente e domiciliata nella provincia di Avellino.

Anche quest’anno l’accesso ai programmi di screening avviene attraverso un invito personalizzato tramite lettera inviata dalla Asl di appartenenza. L’adesione al programma permette di salvare un numero significativo di vite e di effettuare interventi poco invasivi o addirittura di prevenire la comparsa stessa del cancro, attraverso la rimozione delle alterazioni che lo precedono. Per questa ragione la Regione Campania insieme alle Asl campane sta promuovendo una campagna informativa, a supporto del programma di screening, con l’obiettivo di raggiungere il maggior numero di persone nelle varie fasce d’età, coinvolgendo anche quel target di popolazione meno attenta ai temi della prevenzione.

Sono disponibili gratuitamente gli screening che consentono la prevenzione del carcinoma alla mammella, al colon-retto, al collo dell’utero. Il tumore della mammella è la neoplasia più frequente nelle donne, tanto che rappresenta il 30% di tutte le neoplasie femminili. Nonostante negli ultimi decenni si sia registrato un costante aumento delle nuove diagnosi, lo screening, diagnosticando precocemente la malattia, permette di ridurre la mortalità. Lo screening per la diagnosi precoce del tumore mammario si rivolge alle donne dai 50 ai 69 anni e va eseguito ogni 2 anni, su invito dell’ASL.

Il cancro del collo dell’utero (o della cervice uterina) è al secondo posto nel mondo, dopo quello della mammella, tra i tumori che colpiscono le donne. Il test impiegato nello screening per il cancro del collo dell’utero è il Pap-test, offerto ogni 3 anni alle donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni.

Il cancro del colon-retto è una neoplasia spesso conseguente ad una evoluzione di lesioni benigne polipi adenomatosi, che si trasformano in un periodo molto lungo (dai 7 ai 15 anni) in forme maligne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cancro del colon-retto è, nella popolazione nel suo complesso, il secondo tumore più frequente rappresentando il 13% di tutti i tumori diagnosticati. Lo screening per la diagnosi precoce del cancro del colon-retto si rivolge alla popolazione residente in Campania di età compresa tra i 50 e i 74 anni, va eseguito ogni 2 anni e garantisce percorsi di qualità gratuiti in tutte le fasi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Coronavirus, chiude il bar Nolurè: titolare positivo in ospedale

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

  • Coronavirus, in Campania è allarme arancione

  • Claudio Rosa, Capo Ufficio Comando Del Provinciale dei Carabinieri di Avellino, promosso Tenente Colonnello

  • Elezioni regionali, chi sono i quattro eletti in Irpinia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento