Rete oncofertilità, anche i malati di cancro potranno avere figli

La rete conterà anche sull'Azienda ospedaliera S. Giuseppe Moscati di Avellino

La Campania vara la rete dell'oncofertilità e si pone all'avanguardia su territorio nazionale. Grazie a questa rete anche chi soffre di malattie tumorali ad organi genitali potrà avere figli. Il problema dei pazienti onclogici nell'ambito della riproduzione è dovuto al fatto che molti tipi di chemioterapia e radioterapia creano un danno permanente al patrimonio gametico, impedendo di fatto di avere dei figli. 

Le dichiarazioni di Vincenzo De Luca 

Da oggi, invece, sarà possibile preservare gli ovociti e il liquido seminale prima dell'inizio delle terapie. La rete conterà su due hub a livello regionale: l'Azienda ospedaliera Federico II di Napoli e l'Azienda ospedaliera S. Giuseppe Moscati di Avellino. La piattaforma on line sarà attiva 24 ore su 24 e garantirà consulenza entro 48 ore per tutto l'anno. 

L'essere ammalato di cancro non costituisce una controindicazione alla genetorialità. Una svolta e una sceltà di civiltà che potrà migliorare la vita di migliaia di famiglie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • Coronavirus in Campania, nuova ordinanza di De Luca su mascherine e spostamenti tra regioni

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • Offerte di lavoro, Intesa Sanpaolo cerca diplomati e laureati

Torna su
AvellinoToday è in caricamento