menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moderna e Pfizer/BioNTech: vaccini ai giovanissimi, sperimentazioni in corso

E' arrivata alla fase 3 la sperimentazione condotta dalla Pfizer/BioNTech su 2.260 ragazzi di età compresa fra 12 e 15 anni

Moderna e Pfizer/BioNTech stanno sperimentando l'efficacia dei vaccini sviluppati con Rna messaggero sulle fasce d'età più basse: ci sono già i primi dati sui vaccini ai giovanissimi. La prima sperimentazione in fase 2/3, condotta da Moderna, è iniziata negli Stati Uniti nel dicembre 2020 su 3.000 ragazzi fra 12 e 17 anni e la stessa azienda ha appena avviato un secondo studio, chiamato KidCove, anche questo in fase 2/3 su 6.750 bambini da sei mesi a 11 anni.

E' arrivata quindi alla fase 3 la sperimentazione condotta dalla Pfizer/BioNTech su 2.260 ragazzi di età compresa fra 12 e 15 anni. Alla luce dei risultati positivi ottenuti, l’azienda si sta preparando a presentare la richiesta di autorizzazione alle autorità regolatorie di Stati Uniti (Fda) ed Europa (Ema) e prevede che il suo vaccino possa essere disponibile già in giugno. Ci sono anche altre sperimentazioni in corso.

Il sondaggio 

Secondo un recente sondaggio italiano, circa il 75% dei giovani nostrani tra gli 11 e i 30 anni si dichiara a favore del vaccino antiCovid, dando la propria disponibilità a sottoporsi alla vaccinazione. Una volontà espressa dal 54,6% dei ragazzi intervistati, mentre un altro 19,8% dichiara di essere sostanzialmente favorevole (pur manifestando qualche dubbio). Il 10,1% per il momento propende per il “no” ma non esclude in futuro di cambiare idea. L'8,7% dice di non essersi ancora fatto un'opinione a riguardo. Alla fine, dunque, appena il 6,7% mostra l'assoluta intenzione di non sottoporsi al vaccino.

Portare avanti la campagna vaccinale anti-Covid nelle scuole nei prossimi mesi?

"Ci stiamo pensando, come si faceva una volta negli anni ’70". Così il commissario per l’Emergenza, Francesco Figliuolo, a margine della sua visita all’hub dell'università di Porta di Roma. "Il prossimo step sarà sulle classi produttive, i vaccini arriveranno e maggio sarà un mese di transizione. Dopo pensiamo all’estate", ha detto il Commissario straordinario per l’emergenza Covid: "Quando avremo finito di immunizzare gli over 65 apriremo a tutte le classi di età. Dobbiamo concentrarci sugli over 60 per cui la media di vaccinati è ancora bassa. Superata la soglia dei 65, potremo pensare di aprire la campagna vaccinale a tutte le altre classi d'età".

Covid, vaccini nelle scuole: come stanno le cose

Sul tema è intervenuto anche il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi: "Innanzitutto bisogna completare la vaccinazione degli insegnanti, siamo arrivati al 70%, dopodiché arriveremo a vaccinare anche i più piccoli. La vaccinazione nelle scuole è una strada da percorrere, ma completiamo la vaccinazione degli insegnanti e di tutto il personale, poi affrontiamo il problema anche dei ragazzi più grandi e progressivamente di tutti quelli che hanno meno di 16 anni" ha detto il ministro a Sky tg24.

In realtà siamo davvero solo nel campo delle ipotesi. Per un motivo molto semplice, in primis: non c'è ancora un vaccino per i giovanissimi approvato dalle autorità sanitarie europee, e quindi è doveroso procedere con cautela. Le sperimentazioni dei vaccini anti Covid nei bambini e negli adolescenti sono in corso. La loro autorizzazione da parte delle attività regolatorie potrebbe arrivare "in tempo per la riapertura delle scuole", secondo l'immunologo Sergio Abrignani, dell’Università Statale di Milano e membro del Comitato Tecnico Scientifico.

Leggi la notizia su Today 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento