Lunedì, 25 Ottobre 2021
Salute

Merende sane per bambini, la nutrizionista Finelli consiglia il panettone al cocco e carote

La ricetta

La scuola è ricominciata e le esigenze alimentari dei bambini cambiano in base ai nuovi orari. Di ritorno da lezione per chi fa il tempo pieno, o per una pausa pomeridiana mentre si svolgono i compiti assegnati in classe è necessario assumere una merenda sana dal giusto apporto calorico e nutrizionale. 

La dott. Ssa Francesca Finelli, biologa nutrizionista esperta in nutrizione infantile consiglia un semplice panettone a base di carote e farina di cocco, semplice da realizzare, sano e gustoso. 

"Questa ricetta è veramente leggera e rigorosamente priva di grassi aggiunti e lievito - spiega Finelli - La farina di cocco renderà la pasta soffice, mentre le uova garantiranno la giusta consistenza e le carote un piacevole gusto ed un bel colore dorato. Rappresenta una buonissima proposta, anche per uno spuntino oppure una dolcissima proposta per una colazione salutare peri i più piccoli, che possa andare a sostituire tutti quegli alimenti preconfezionati che spesso vengono poste sulle nostre Tavole". 

Spesso sottovalutata o addirittura sconosciuta, la farina di cocco è in realtà un alimento sano e prezioso per le sue proprietà nutrizionali e curative. Negli ultimi anni, però, il suo valore nutrizionale è stato riscoperto tanto da essere considerata un vero e proprio ‘superfood‘, utile in un buon protocollo nutrizionale e per la salute umana. 

"Dal punto di vista nutrizionale - aggiunge - si tratta di un alimento ricco di lipidi e povero di acqua. Il suo valore energetico è del tutto diverso da quello delle farine tradizionali, tanto da essere paragonata all’olio da condimento. Il contenuto lipidico ne fa un alimento dannoso per il colesterolo ma la composizione a catena media dei suoi grassi saturi li rende facilmente assorbibili attraverso il sangue dall’altra è un concentrato naturale di sostanze benefiche per il nostro benessere, dalle spiccate proprietà antibatteriche e antifungine, dal contenuto notevole di fibre e sali minerali (potassio e ferro) mentre scarse nel contenuti di di vitamine, carboidrati e proteine . La farina di cocco, inoltre, non contiene glutine e ha un basso indice glicemico. Ciò vuol dire che può essere consumata anche da chi soffre di celiachia o da chi ha problemi infiammatori legati al consumo di grano. E’ perfetta per i diabetici, per chi soffre di transito intestinale o permeabilità intestinale". 

Ecco i principali valori nutrizionali riferiti a 100 grammi di farina di cocco:

  • Calorie: 660kcal
  • Grassi: 64.53 grammi
  • Carboidrati: 23.65 grammi
  • Proteine: 6.88 grammi
  • Acqua: 3 grammi

"Le carote, invece rappresentano una buona soluzione per addolcire la nostra ricetta e per guadagnare un ulteriore valore nutrizionale. Le carote sono uno degli ortaggi più comuni in cucina. Definiamo carota la radice dell’inflorescenza, ma in realtà è edibile e nutriente anche il ciuffo verde che normalmente viene buttato via. Negli anni 70, con la scoperta dell’indice glicemico, le carote cotte (IG75) destarono molto stupore e preoccupazione. In realtà come sottolineo sempre sull’indice glicemico, questo parametro non è attendibile sulla salubrità o meno di un alimento. La carota contiene poche calorie e pochi zuccheri per 100g. Pertanto non fa ingrassare, se ne mangiamo 920g abbiamo assunto le calorie di 100g di pasta cruda.

La cellulosa che compone la fibre alimentare rende poco biodisponibili i nutrienti dell’ortaggio, la cottura permette di rendere più attaccatili gli zuccheri della carota aumentando il suo indice glicemico ma migliorando la biodisponibilità dei nutrienti. Anche mangiare grassi assieme alla carota cotta permette di migliorare l’assorbimento delle vitamine liposolubili".

  • Sul profilo Nutrizionale le carote contengono (su 100g) diversi sali minerali: il ferro (0,7mg),
  • il rame (0,2mg),
  • lo zinco (2,9mg),
  • il magnesio (11mg) e il calcio (44mg).

Possiedono un’alta quantità di Vitamina A che varia da 880-2300µg/100g. La vitamina A essendo liposolubile è assorbita se assieme alla carota mangiamo anche dei grassi (ripetiamo perchè è importante). Il ciuffo verde che normalmente non si trova, in commercio, attaccato alla radice e che si butta via, è invece ricco di vitamina E. 

RICETTA

  • 300 G. DI CAROTE
  • 200 G. DI FARINA DI COCCO
  • 60 G. DI ZUCCHERO DI CANNA 
  • 75 G. DI FARINA
  • 3 UOVA
  • 5 CL. DI SUCCO DI FRUTTA ALL'ARANCIA O FRUTTA ESOTICA O SPREMUTA FATTA IN CASA
  • PER IL LIEVITO: 1 LIMENE ( O MEZZA ARANCIA O 4 CUCCHIAI DI ACETO DI MELE) E 1 CUCCHIAIANO DI BICARBONATO  

PREPARAZIONE

  • Pulite e lavate le carote, poi grattugiatele.
  • Versate in una ciotola la farina, la farina di cocco, lo zucchero, il lievito cosi come indicato e le carote grattugiate.
  • Sbattete le uova e unitele al resto, poi completate con il succo di frutta.
  • Versate l’impasto in uno stampo tipo plum-cake (oppure in 6 stampini individuali).
  • Cuocete la torta in forno caldo a 175 gradi per circa 30 minuti.
  • Gustate questa leggera e golosa torta tiepida o fredda

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Merende sane per bambini, la nutrizionista Finelli consiglia il panettone al cocco e carote

AvellinoToday è in caricamento