Mascherine alle stelle, i consigli per riutilizzarle e igienizzarle in sicurezza

I consigli dell'agenzia Industrie Difesa per poterle riutilizzare in sicurezza

Prezzi alle stelle, ma a mali estremi estremi rimedi. 

Lo Stabilimento chimico farmaceutico militare dell’Agenzia Industrie Difesa spiega come riciclare in sicurezza le vostre mascherine. Si ricorda però che la sanitizzazione è “sconsigliata per tutto il personale che si trova ad operare con persone infette (o in ambienti ad alto rischio di contagio) in quanto non vi sono, al momento, dati sufficienti per poterne convalidare l’efficacia”.

Il materiale giusto per igienizzare la mascherina è una “soluzione idroalcolica al 70% (Alcool al 70%) in erogatore spray ecologico o altro dispenser idoneo a permettere una spruzzatura della soluzione”. Insomma, è possibile igienizzare le mascherine in caso di necessità, purché lo si faccia nel modo giusto.

Vediamo insieme tutti i passaggi.

La prima fase consiste nel lavaggio accurato delle mani, come si vede al primo punto della figura qui sopra. Bisogna poi togliersi dal viso la mascherina, utilizzando gli elastici e facendo attenzione a non toccarla nella parte interna. Il prossimo step è quello di lavarsi nuovamente le mani come indicato nelle istruzioni riportate sopra, indossare un nuovo paio di guanti monouso o “sanitizzare le mani” con soluzione alcolica al 75-85%. Va bene anche un altro disinfettante idoneo.

Adagiare la mascherina con la parte esterna verso l’alto, su una superficie che precedentemente sarà stata sanitizzata con la stessa soluzione usata per le mani. A questo punto si può prendere la soluzione idroalcolica al 70 per cento e spruzzarla su tutta la mascherina, elastici compresi, in maniera uniforme “senza eccedere nella bagnatura”. Di seguito girare la mascherina e ripetere il procedimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A conclusione dell’operazione, il dispositivo va lasciato asciugare: per completare l’evaporazione dell’alcool servono circa 30 minuti. L’ambiente nel quale si agisce deve essere un ambiente protetto. Se la mascherina ha ancora odore di alcol sarà necessario prolungare l’asciugatura, sempre utilizzando la superficie preventivamente sanitizzata. Nel caso in cui non la si debba usare subito invece, la mascherina dovrà essere conservata in una busta di plastica fino al nuovo uso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pericolosità ibuprofene e utilità vitamina C, la Farmacia Capozzi fa chiarezza

  • Non usare mascherina con valvola, potrebbe diffondere il contagio: l'avviso ai cittadini

  • Coronavirus, "Attenzione al fumo di sigaretta": l'allarme del Ministero della Salute

  • Coronavirus in Irpinia: ecco la mappa aggiornata, Comune per Comune, al 26 marzo 2020

  • La 3DRap di Mercogliano trasformerà maschere da sub in ventilatori

  • Coronavirus, l'aggiornamento della Protezione Civile: "Sono 62.013 i positivi, in Campania 1.169"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento